Latte in polvere per neonati con salmonella. Almeno 37 i bambini colpiti

Qualche mese fa lo “Sportello dei Diritti" segnalò un potenziale scandalo che riguardava il latte artificiale per neonati e che avrebbe potuto coinvolgere uno dei gruppi leader mondiali dell'alimentazione infantile. Man mano che la vicenda montava sulle cronache europee, si ha avuta conferma di quanto denunciato, mentre come accade di sovente le autorità sanitarie nazionali rimanevano per mesi in silenzio. Oggi è notizia mondiale che la stessa Lactalis abbia ammesso l'enormità della vicenda ritirando dal commercio 12 milioni di scatole di latte in polvere per bebè in 83 Paesi a causa del rischio salmonella. L’azienda ha assicurato che «tutte le famiglie che hanno subito un danno» riceveranno un risarcimento. In Francia sono stati confermati 35 casi di bambini colpiti dalla salmonellosi dopo aver bevuto del latte prodotto nella fabbrica di Craon.Un caso è inoltre emerso in Spagna e uno in Grecia. Si tratta di bebè di meno di sei mesi. L'amministratore delegato del colosso francese, ha evidenziato «l’ampiezza» dell’operazione attivata da Lactalis: ritirare tutte le confezioni prodotte a Craon. La scoperta a dicembre di alcuni casi di salmonellosi. E' ormai uno scandalo sanitario quello del latte per neonati contaminato prodotto dal gigante Lactalis, che controlla anche l'italiana Parmalat, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti". I prodotti di Lactalis a rischio interessati dal ritiro dalla vendita sono stati esportati anche all'estero in diversi Paesi, dal Marocco a Taiwan. Nel mirino anche Carrefour, Leclerc, Auchan che avrebbero lasciato i prodotti rimasti su molti scaffali dei supermercati. Alla luce delle nuove conferme, lo “Sportello dei Diritti" si prepara pertanto a dare battaglia legale ove ricevessimo segnalazioni da parte di cittadini su possibili casi di infezione su neonati e bambini in Italia.

Pubblicato in Italia

Palloncini colorati e tanta allegria per i bimbi degenti all’ospedale pediatrico Giovanni Di Cristina di Palermo.

Pubblicato in Area metropolitana

Il ceppo di popolazione europea è destinato a scomparire. A dirlo le ultime stime demografiche dell'ONU

Pubblicato in Esteri

Tutto pronto a Termini Imerese per la prima iniziativa dell’estate termitana dedicata ai bambini, all’interno della quale si prevede l’apertura di alcuni siti con lo scopo di promuovere e valorizzare le ricchezze monumentali ed architettoniche della città. 

Pubblicato in Termini Imerese
Si è spenta Suor Nicolina Grillo, madre superiore, per moltissimi anni, dell'istituto Rosa Venerini a Termini Imerese.
Pubblicato in Termini Imerese

La Polizia di Stato ha presidiato massicciamente una vasta area del centro storico cittadino, ricadente nei quartieri di Ballarò e Porta Nuova.

Pubblicato in Area metropolitana

Oggi pomeriggio i bambini della scuola primaria di Campofelice di Roccella hanno lasciato le  classi ed hanno raggiunto la loro piazza per una “recita natalizia”.

Pubblicato in Campofelice

Domenica 27 novembre “all’Annunziata è tempo di raccontare”. Un momento in cui la narrazione sarà la vera protagonista.

Pubblicato in Termini Imerese

L’Associazione culturale “Fare per Migliorare” ha realizzato nel Reparto di Pediatria dell’Ospedale S. Cimino di Termini Imerese il progetto di volontariato “Fare in corsia…”.

Pubblicato in Termini Imerese

Il 30 ottobre i genitori della Scuola Primaria di Campofelice di Roccella dell’Istituto Comprensivo C.G. Cinà sono stati invitati presso il salone dell’Istituto Figlie della Croce  dal Dirigente scolastico Giuseppe Simplicio per discutere su alcuni aspetti relativi alla sicurezza dei bambini

Pubblicato in Campofelice
Pagina 1 di 2