Presentato il libro “I tumulti dell’anima” silloge di Alessandra Di Salvo

0
748

Un numeroso pubblico ha partecipato alla presentazione del libro “I tumulti dell’anima” silloge di Alessandra Di Salvo, per la casa editrice “Il convivio”. La Di Salvo è alla sua seconda pubblicazione che ha seguito la prima del 2018 per le Edizioni Ex Libris, dal titolo “Ingannevoli miraggi”.

Presso l’Addaura Village e Congressi, lungomare Cristoforo Colombo a Palermo, venerdì scorso, 28 aprile, erano presenti al tavolo dei relatori, oltre ad Alessandra Di Salvo, Maria Angela Eugenia Storti docente di lingua inglese, saggista e scrittrice e autrice della prefazione del libro e Francesca Guajana poetessa, attrice e diplomata in arti terapie espressive-metodo Hansen. Ha coordinato i lavori la giornalista Teresa Di Fresco.

Non sono mancati gli applausi alla lettura di alcune poesie, eseguita magistralmente da Francesca Guajana che non manca mai di interpretare oltre che leggere le liriche. Otto, in totale, le sue interpretazioni, suddivise in gruppi di due per volta e precedute da una breve introduzione della Di Fresco. Anche la professoressa Eugenia Storti ha letto una lirica oltre ad avere arricchito l’incontro con il suo intervento e la lettura della sua prefazione.  Ha letto una sua poesia anche Alessandra Di Salvo e lo stesso ha fatto la giornalista Di Fresco che ha pure rivolto alcune domande alla poetessa, dalle quali è venuto fuori il riserbo, il pudore quasi, dell’artista e della donna sempre schiva a ogni forma di autocelebrazione.

Intense le sue poesie che spesso mettono in luce lo scorrere di una vita segnata da delusioni e sofferenze fisiche e dolori dell’anima. Una visione del passare del tempo non particolarmente allegra anche se velata di una certa ironia, salvifica, come la stessa autrice dice parlando di sé. Non mancano i riferimenti colti che ne rivelano la preparazione classica, lo studio del tedesco e dell’arabo e la vasta conoscenza di poeti e scrittori di spessore oltre che di provenienza italiana e straniera. Uno fra tutti, Fernando Pessoa, che ha voluto omaggiare riportando alcuni suoi versi nella sua introduzione al libro.

Come si legge nella prefazione di Eugenia Storti, “Tra eventi impersonali e biografie nasce la poesia, delicata e trascendente, di Alessandra Di Salvo, immateriale, nostalgica, tracciata da dolori profondi, scandite da ore di Preghiera, di veglie ininterrotte e di sonno improvviso.E’ un dormiveglia di immagini e suoni, un universo di emozioni metabolizzate da un’enorme erudizione, da cui si snoda una viva tensione letteraria che consegna la cultura agli onori dell’eternità”. E continua: “Dal grido sofferto, pur se meno consapevole della prima raccolta, nasce la sublimazione artistica di questa silloge il cui il dolore si fa flusso di coscienza….”.

Nella foto (da sinistra): Francesca Guajana Teresa Di Fresco Alessandra Di Salvo Eugenia Storti.