Termini Imerese. Gli operai lasciano lo stabilimento Fiat. Nel pomeriggio l'assessore Vancheri incontra i sindacati

Martedì, 04 Novembre 2014 12:17 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)

E' durata poco l'occupazione degli stabilimenti Fiat di Termini Imerese. Dopo la notte passata al loro interno le tute blu infatti hanno deciso di liberare i locali della fabbrica, dopo che l’assessore regionale alle Attività produttive, Linda Vancheri, ha convocato nel pomeriggio, intorno le 17, un incontro con i sindacati di Fim, Fiom e Uilm a Palermo.

"Abbiamo deciso di andare via dalla fabbrica solo perché siamo stati convocati dalla Regione. Se non va in porto la soluzione proposta da Grifa, Fiat licenzierà tutti - ha dichiarato il segretario regionale della Fiom Roberto Mastrosimone, tra gli operai che avevano occupato - Se i governi nazionale e regionale non sono in grado di far decollare questo piano, chiediamo la revoca delle procedure di licenziamento e l’attivazione della cassa integrazione per gli operai di Fiat e dell’indotto, anche per il prossimo anno. Dal 9 ottobre non ci sono stati passi in avanti, è inammissibile che l’unica certezza ad oggi siano i licenziamenti di massa".
Ieri gli operai erano tornati a riunirsi in assemblea davanti ai cancelli dello stabilimento per chiedere al governo nazionale e regionale sicurezze riguardo piano di Grifa, la società che secondo il verbale di incontro firmato al Mise lo scorso 9 ottobre, dovrebbe acquisire il ramo d'azienda di Fiat. Con la cessione del ramo d’azienda dello stabilimento e del personale, la newco avrebbe la possibilità di ricollocare in cassa integrazione per ristrutturazione aziendale i dipendenti fin quando non si inizierà a produrre. Molti restano i dubbi però sulla questione.
"L'occupazione dello stabilimento Fiat da parte dei lavoratori e dei dirigenti sindacali ha già prodotto un risultato positivo: il risveglio dell'attenzione del governo regionale che così manifesta di voler prendere in mano la vertenza - ha dichiarato il segretario della Cgil Palermo Enzo Campo -. Il nostro interesse è che si riattivi il sito industriale, che riparta il processo di industrializzazione dell'auto a Termini Imerese. Intanto chiediamo garanzie sul progetto Grifa, ove questo non dovesse risultare possibile, si trovino altre soluzioni".
A due mesi dallo scorso appuntamento il 10 novembre il Ministero ha convocato le parti a Roma.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.