Dare certezze ai precari degli enti locali. Ventotto sindaci delle Madonie e del Termitano: Alimena, Aliminusa, Blufi, Bompietro, Caccamo, Caltavuturo, Gangi Campofelice di Roccella, Castelbuono, Castellana Sicula, Cefalù Cerda Collesano, Geraci Siculo, Polizzi Generosa, Gratteri, Isnello, Lascari, Montemaggiore Belsito, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Resuttano, Pollina, San Mauro Castelverde, Sclafani Bagni, Sciara, Scillato, Termini Imerese e Valledolmo, hanno approvato un documento politico a sostegno dei lavoratori A.S.U e contrattualizzati provenienti dal bacino dei lavori socialmente utili, in servizio presso gli enti locali  ed istituti pubblici.

Pubblicato in Comprensorio