Tutto scaturisce da un sequestro effettuato nel dicembre del 2015 e proseguita con indagini e accertamenti tecnici che hanno portato i finanzieri a scoprire che il gestore dell’impianto ha manomesso ed alterato i congegni e i piombi apposti per impedire l’erogazione di carburante.

Pubblicato in Area metropolitana