Petralia Soprana, incontro al Museo Sottosale all’interno della Miniera Italkali di Raffo

0
220

Proficuo incontro al Museo Sottosale all’interno della Miniera Italkali di Raffo (Petralia Soprana), su iniziativa dell’Ente Parco delle Madonie, che ha chiamato a raccolta i Comuni del Geopark Unesco. Un’occasione d’incontro per tracciare le linee programmatiche delle azioni future.
Un’iniziativa, questa, unica nel suo genere,  voluta in occasione della settimana europea dei Geoparchi, in sinergia con l’Associazione Sottosale e la Società Italkali.  La miniera  di salgemma e lo stesso Monte Bovolito che custodisce il giacimento sono entrambi  geositi Unesco, e costituiscono un modello di gestione geoturistica integrata capace di attrarre consistenti flussi turistici nazionali e non solo, con importanti ricadute sull’economia locale.
Presenti all’incontro numerosi rappresentanti dei 22 Comuni del Geopark mondiale Madonie Unesco.
A porgere i saluti iniziali il presidente dell’associazione Sottosale Li Puma, il direttore del sito minerario Curatolo, il sindaco di Petralia Soprana Macaluso ed il Commissario dell’Ente Parco Caltagirone.
“Il Comune di Petralia Soprana – spiega Macaluso – crede fortemente nel Geopark Madonie ed insieme a tutti gli altri Comuni è pronto affinché questo patrimonio geologico e non solo, sia adeguatamente  valorizzato per essere volano di sviluppo del territorio”.
“Agli intervenuti abbiamo rivolto l’invito ad avviare nelle sedi istituzionali preposte, una interlocuzione costante e diretta per programmare i prossimi passi del rafforzamento del  Geoparco”, ha spiegato il commissario dell’Ente Parco Salvatore Caltagirone.
L’iniziativa segue di pochi giorni la nascita, presso le amministrazioni comunali madonite, dei referenti Geopark, che costituiranno il team operativo per lo sviluppo dei progetti dei prossimi mesi.
Territori, quelli delle Madonie, ricchi di valenze non solo geologiche, che l’Unesco  ha dichiarato siti di importanza mondiale, perché raccontano in modo mirabile la storia della nascita del mondo come lo conosciamo oggi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here