Sciara, tutto pronto per l’edizione 2024 della “Via Crucis” vivente

0
411

Anche per questo 2024 torna il consueto appuntamento con la storica “Via Crucis Vivente”. Si tratta, di un evento fortemente sentito dalla cittadinanza del paese della Valle del Torto, e per questa edizione ci saranno delle novità importanti per quanto riguarda l’aspetto tecnico.

«Questo appuntamento – dichiara Padre Nunzio Pomara, Arciprete di Sciara – rappresenta per tutta la comunità un momento di grande gioia. Allo stesso tempo, ci offre un momento di riflessione, e riesce a coinvolgere anche chi talvolta è lontano da un cammino di fede. Lo spettatore, riuscirà ad entrare dentro questo “mistero”, portandoci a contemplare la fine di quella sofferenza che è nella gloria della Resurrezione»

Rispetto agli scorsi anni, per questa edizione ci saranno oltre 90 figuranti, parlanti e non, ognuno con un compito ben preciso così da rendere più realistica l’intera rappresentazione. È un momento che vede coinvolta buona parte della cittadinanza sciarese, impegnata anche nella realizzazione delle varie scenografie che verranno installate durante tutto il percorso che attraverserà buona parte del paese, partendo dalla Parrocchia dove verrà inscenata l’Ultima Cena, fino ad arrivare nell’area adiacente l’acquedotto comunale dove avverrà la Crocifissione. Quest’anno, ci sarà una novità, oltre al percorso nuovo infatti, sono stati realizzati i nuovi costumi dei soldati, e con essi anche tutta l’armeria in maniera del tutto artigianale.

«Le tradizioni sono, – dichiara il regista Erasmo Muscarella – le nostre radici. Siamo noi, il nostro sangue, la nostra cultura, la nostra identità, il nostro mondo. Un popolo senza tradizioni è un popolo privo di anima. Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile questo importante evento, Comune, Parrocchia, Regione Siciliana, e quindi ai tanti che hanno lavorato dietro le quinte, dalle sarte agli artigiani».

La “Via Crucis Vivente” avrà luogo mercoledì 27 marzo 2024 alle ore 19:30 con inizio davanti il sagrato della Parrocchia “Sant’Anna” (parte bassa del paese).