L’ASD Sciara vince ufficialmente il campionato di Terza Categoria

0
828

Domenica passata con allegria a Sciara, dove si è disputata l’ultima partita del campionato di terza categoria tra Sciara e Alimena. Gli ospiti per togliersi di dosso un campionato che li ha visti crollare in ultima posizione, i padroni di casa invece per mettere quella ciliegina su una torta che è riuscita perfettamente. Il match si è disputato alle ore 15:00, sotto il sole di Sciara e, cosa più importante, con un entusiasmo che è ideale per una partita di calcio. Partita che si è rilevata equilibrata nei primissimi minuti di partita con l’Alimena che ha provato ad impensierire la porta dello Sciara.

Il primo tempo

Prima occasione che è infatti arrivata dopo 13 minuti con Davide Federico, la conclusione del numero 11 però non ha trovato lo specchio della porta. Altro brivido per i giallorossi che è arrivato dai piedi di Antonio Domina, buono il cross verso Di Maio che colpisce di testa facendo scavalcare il pallone fuori dalla traversa dei padroni di casa. Campioni che però, sono stati bravi al ventinovesimo minuto a passare in vantaggio. Il gol è di Purpuri che batte di testa il portiere classe 74 Cerami a seguito di un bel cross di Giuseppe Crisanti. Raddoppio che arriva con Campino, il capocannoniere del campionato non ha avuto problemi a piazzare la palla alle spalle del portiere ospite dopo una bella imbucata, 2-0 al minuto 37. Non passano nemmeno due minuti e lo Sciara cala il tris con Nobile che esulta con i compagni il gol della sicurezza. Il primo tempo che ha dato emozioni si conclude con un calcio di rigore a favore degli ospiti a primo tempo finito, sul dischetto è andato il capitano Domina che calcia alla sua destra ma sbaglia, rigore parato da Klodian Hyka, che ha sventato il pallone fuori dalla porta guadagnandosi gli abbracci da tutti i compagni di squadra. Primo tempo che si conclude 3-0 con i giallorossi sull’ala dell’entusiasmo.

Secondo tempo

Ripresa che ha avuto lo stesso svolgimento del primo, dopo soli 3 minuti lo Sciara trova anche il 4-0 con Cutrò, visto bene da Purpuri che con un buon filtrante di punta ha lanciato il terzino in maglia 5 a tu per tu con Cerami, padroni di casa incontenibili sotto l’affetto dei propri sostenitori. Subito dopo il gol, mister Papa effettua tre cambi, in campo vanno: Patti, Bondì e Pace, con il portiere giallorosso che eredita la fascia da capitano dopo l’uscita dal campo di Rosario Tascone. L’Alimena però, riesce ad accorciare le distanze al minuto 60. Errore del nuovo entrato Bondì che rende possibile il contropiede gialloverde che si è concluso col gol di Castrianni. Al 65° minuto, i ragazzi di Papa dimostrano di essere sempre in partita e soprattutto di non volersi fermare, grande palla dalle retrovie che trova il petto di Martino Campino, bello il pallonetto che si insacca alle spalle di Cerami, altro gol e risultato sul 5-1 a metà ripresa. Dopo la doppietta di campino, arriva un momento speciale. Papa manda in campo Pitingaro, a sostituire Francesco Glorioso, per il numero 6 è l’ultima partita della sua carriera, prima dell’uscita dal campo viene accolto dagli applausi del “Giuseppe D’Amore” di Sciara, e dagli abbracci di tutti i compagni e della panchina, il baluardo giallorosso conclude la carriera vincendo il suo ultimo campionato e con un bel ricordo. Successivamente uscirà anche Purpuri , buona partita condita da gol e assist, al suo posto Marsala. A 15 minuti dalla fine, gli ospiti riducono ulteriormente il parziale dopo un cross insidioso spinto in porta dall’attaccante ospite, portando il risultato sul 5-2. Dopo il gol subito, lo Sciara ha un’ulteriore palla gol per riaumentare il divario, buona la palla di Patti da posizione mediana per Nobile, che in questa occasione però non è stato lucidissimo nel battere Cerami, il quale para in presa bassa. A dieci dalla fine arriva un gran gol, punizione dalla media distanza per Pitingaro che mette il pallone sotto la traversa e trova un bellissimo gol, Sciara che non ferma la sua avanzata. Gol partita che arriva a 5 minuti dalla fine con Nobile che sfrutta un errore della difesa ospite e chiude definitivamente la pratica con il risultato di 7-2.

Vittoria meritata

Inutile dire che il direttore di gara non abbia assegnato recupero, al minuto 90 subito dopo il fischio finale è arrivata la festa tanto attesa per i campioni di terza categoria. Festa grande in campo e negli spogliatoi, grandissimo merito alla società, ai calciatori, al mister e ai tifosi che nonostante le poche partite casalinghe per i lavori di ristrutturazione della struttura di casa, godono di una vittoria di un altro campionato oltretutto senza mai perdere una partita.

Francesco Peri