Il jazz natalizio delle Christmas Ladies: fra i brani scelti i classici della tradizione

Venerdì, 14 Dicembre 2018 20:50 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

Un concerto molto speciale per questo Natale siciliano è in programma il 14 e il 21 dicembre, rispettivamente al Teatro Santa Cecilia di Palermo e allo Spazio Temenos di Agrigento.

Quello delle Christmas Ladies, cinque jazz-singers palermitane molto note ed apprezzate, che faranno squadra sul palco per cantare le loro canzoni natalizie preferite, insieme a una selezione di standard famosi, riarrangiati per l’occasione da Vito Giordano.
Le Ladies sono Carmen Avellone, Anna Bonomolo, Flora Faja, Lucia Garsia e Alessandra Mirabella, cinque voci e cinque personalità artistiche estremamente diverse, che Fabio Lannino, ideatore e produttore del progetto, ha pensato di riunire per l’occasione, facendo emergere le sonorità e gli stili diversi di ognuna, dal jazz al soul, al pop più raffinato.
Vito Giordano, direttore, arrangiatore e tromba solista, accompagnerà le cantanti sul palco insieme al produttore Fabio Lannino al contrabasso e basso elettrico, Diego Spitaleri al pianoforte, Sebastiano Alioto alla  batteria, Giuseppe Preiti alle tastiere e a un coro di solisti della scuola musicale del Brass Group e del Conservatorio Scarlatti di Palermo.
Fra i brani scelti ci saranno i classici della tradizione natalizia, come Let it snow, I love the Lord, Joyful joyful, Jingle Bells, Christmas time is here, Santa Claus is coming to town, solo per citarne alcuni.
Un progetto artistico molto apprezzato dal pubblico, visto che era stato inizialmente previsto un solo concerto venerdì 14 dicembre alle 21, al quale ne sono stati aggiunti altri due a Palermo (domenica 23 alla stessa ora e mercoledì 26 alle 18.30, tutti esauriti) e un altro venerdì 21 allo Spazio Temenos di Agrigento.  
Questo suggestivo e inedito incontro fra le atmosfere natalizie e il jazz al femminile made in Palermo sarà quindi un’occasione unica e difficilmente ripetibile, ma perché non farne un disco dal vivo prodotto per esempio dalla Brass Group Records, sull’esempio dei dischi natalizi delle grandi voci nazionali ed internazionali? Sarebbe un progetto non facile e parecchio ambizioso, ma probabilmente altrettanto vincente.
Maria Ersilia Milisenna

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.