Tra cinque anni le nostre tivù saranno obsolete

Martedì, 31 Ottobre 2017 23:55 Scritto da  Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Bisognerà cambiare presto gli apparecchi televisivi di tutti gli italiani.
Nel 2022 le tivù come le conosciamo adesso, con il digitale terrestre, saranno inutili e bisognerà cambiarle. Nella manovra finanziaria, attualmente in discussione tra Governo e Parlamento, c'è un articolo che spiega meglio quanto stiamo dicendo. Nel 2022 entrerà infatti in vigore il digitale terrestre più evoluto (il Dvb-T2) e di conseguenza tutte le tv acquistate finora saranno inservibili, perché non riusciranno a sintonizzarsi con i nuovi canali. Gli utenti dovranno così cambiarle o dotarsi di un nuovo decoder, affrontando una spesa che nelle migliori delle ipotesi sarà di circa 100 euro. Ma perché questa novità, a pochi anni dall'addio del sistema analogico? L'Italia, come già altri paesi europei, deve togliere alcune frequenze dalle televisioni per consentire il debutto delle reti mobili a banda ultra larga 5G ed il nuovo standard tivù, il Dvb-t2 appunto, servirà proprio a questo scopo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.