Piattaforma rifiuti Ecox a Termini. I Verdi chiedono che venga spostata altrove

Giovedì, 23 Febbraio 2017 13:32 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)
"Non siamo contrari in linea di principio alla realizzazione di piattaforme per il trattamento dei rifiuti organici".
Così esordisce Carmelo Sardegna, portavoce regionale dei Verdi, a proposito del progetto di Ecox di realizzare nell'area industriale di Termini Imerese un impianto per il trattamento dei rifiuti. "E' un modo per riutilizzare gli scarti organici e ridurre il costoso conferimento in discarica, che è la vera “piaga” della questione rifiuti in Sicilia". Ciò che contestano però è il metodo attraverso cui si è giunti al rilascio dell’autorizzazione alla ditta Ecox e la scelta di realizzarlo proprio lì, nell'area industriale di Termini. Sul primo punto i Verdi criticano il metodo usato dalla Regione Siciliana per rilasciare l'autorizzazione, che non ha tenuto conto dei pareri contrari espressi più volte dai cittadini, dalle associazioni ambientaliste - come Legambiente - e dal consiglio comunale (ricordiamo che lunedì scorso i consiglieri hanno votato all'unanimità una mozione che impegna il commissario straordinario, Girolamo Di Fazio, ad intraprendere ogni iniziativa per bloccare la realizzazione dell'impianto). Circa la scelta del luogo, per i Verdi si tratta di una decisione sbagliata, perché lì "ci sono importanti insediamenti civili e commerciali, ambientali e culturali, che non possono certamente tollerare un impianto di trattamento di rifiuti, peraltro a circo aerobico", ricorda Sardegna. Lì vicino ci sono infatti la Riserva regionale di monte san Calogero, l’area archeologica di Himera, un supermercato alimentare, l’autostrada Palermo-Catania, numerose case abitate tutto l’anno. Ecco perché l'idea è sbagliata. Ed allora? Allora i Verdi propongono al commissario straordinario del comune, in una lettera inviata oggi, di bloccare l'iniziativa di Ecox e vedere se possibile spostare il tutto altrove, in un altro luogo del territorio comunale, "dove gli effluvi maleodoranti ed i rumori della lavorazione dei rifiuti non possano nuocere ad altri insediamenti abitativi, archeologici, naturalistici e lavorativi".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.