Furto di energia elettrica a Caccamo. Patteggiamento per un uomo

0
140

Pensava di risparmiare sulla luce, manomettendo il contatore.

Ma Giuseppe Battaglia, caccamese di 31 anni, non ha tenuto conto del fatto che prima o poi l’Enel se ne sarebbe accorta. Così nel 2014 tecnici della società elettrica, durante un controllo effettuato presso la sua abitazione a seguito di accertamenti di prelievi anomali di luce, si sono accorti che il contatore era stato manomesso, perché un magnete faceva ridurre di quasi il 100 per cento i consumi elettrici, rubando all’Enel oltre 60mila chilowatt. E’ così scattata la denuncia a carico di Battaglia, per furto aggravato. Al successivo processo, svoltosi davanti al tribunale di Termini Imerese, l’uomo ha patteggiato la pena di otto mesi di reclusione e 300 euro di multa. Pena sospesa.