Numerosi pendolari residenti a Lascari hanno scritto a Trenitalia per istituire la fermata alla stazione di Lascari del treno 3771 proveniente da Messina.

Pubblicato in Lascari
Dovrà pagare una multa di 5 milioni di euro.
Pubblicato in Italia

Ma quanto conta il sindaco Burrafato? Per Trenitalia nulla! Qualcuno potrebbe dire: e dove sta la novità? Il problema sta nel fatto che qualcuno invece crede abbia grande credito e così può capitare di presentarsi alla 5,30 del mattino alla stazione di Termini Imerese per prendere il treno per Catania. Con bagagli e borsa portarsi nel binario in cui transita il convoglio ma di vederlo sfrecciare a tutta velocità.

Pubblicato in Termini Imerese

Agenti della Polizia di Stato di Palermo hanno arrestato Michele Garofalo, 47enne palermitano, ritenuto responsabile del reato di tentato furto aggravato di cavi di rame in danno di “Trenitalia”.

L’azione, se portata a termine, avrebbe arrecato un danno patrimoniale alla ditta ed inevitabili ricadute sulla circolazione ferroviaria.

Pubblicato in Area metropolitana

Agenti della Polizia di Stato la notte scorsa hanno arrestato i palermitani Antonino Abbate 33enne di via dello Spasimo e Gaetano Vela 37enne, di Villabate, entrambi pregiudicati, nello specifico responsabili di furto aggravato, in concorso, di cavi di alta tensione di rame.

La sottrazione del ricercato metallo è avvenuta in un deposito di “Trenitalia” in un locale “locomotive” nella zona “Brancaccio”.

Intorno alla mezzanotte, personale della Polizia Ferroviaria effettuava un controllo, all’interno del deposito, insieme ad Agenti delle Volanti e del Commissariato “Brancaccio”, perchè era stata segnalata la presenza di tre persone sospette.

Pubblicato in Area metropolitana
Il Presidente del Comitato Pendolari Sicilia denuncia con una lettera indirizzata alla Direzione Trenitalia Sicilia e di RFI Sicilia, e all'Assessorato Infrastrutture e Trasporti Sicilia la situazione incresciosa che "ormai si ripresenta quotidianamente" nella quale si trovano i treni nella tratta termini-Palermo.
 
"Quello che è accaduto ieri - scrive Fazio -  e che ormai si ripresenta quotidianamente, è assolutamente inaccettabile in quanto offende la dignità umana e mette a repentaglio la vita dei pendolari". E continua raccontando l'ennesimo episodio. "Assistere ad un treno, il 12753, costretto da Termini a Palermo ad effettuare servizio locale, stracolmo all'inverosimile, con passeggeri costretti ad uscire dai finestrini - scrive -, sa di presa in giro".
Pubblicato in Termini Imerese