Ieri mattina intorno alle 9.00, i Carabinieri hanno arrestato con l’accusa di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un uomo e due giovani di cui un minorenne.

Pubblicato in Area metropolitana

I finanzieri hanno arrestato in flagranza un incensurato che all’interno di un magazzino di sua proprietà, aveva realizzato una piantagione di cannabis, illuminata ed aerata attraverso un allaccio abusivo alla rete elettrica.

Pubblicato in Area metropolitana

Si è concluso con l’arresto di tre giovani castelbuonesi il servizio di contrasto alla coltivazione e spaccio di sostanze stupefacenti svoltosi lo scorso fine settimana nella cittadina madonita da parte dei militare della locale Stazione Carabinieri.

Pubblicato in Castelbuono

Una bambina di 16 mesi è stata accompagnata al pronto soccorso pediatrico dell'ospedale Cervello di Palermo in stato confusionale.

Pubblicato in Area metropolitana

La Polizia ha arrestato un 25enne incensurato per aver allestito una vera e propria piantagione di cannabis all'interno del proprio appartamento. L'arresto a Palermo nel quartiere Villagrazia dopo aver osservato un sospetto via vai di giovani dall'edificio.

Pubblicato in Area metropolitana

Venerdì mattina, i Carabinieri di Finale di Pollina e di Cefalù hanno arrestato in flagranza per il reato di produzione illecita di sostanza stupefacente, il 23enne C.A., originario della Provincia di Messina, ma residente nella frazione del Comune madonita.

Pubblicato in Pollina

I Carabinieri di Finale di Pollina, unitamente a militari della Compagnia di Cefalù, nella tarda serata dello scorso sabato 28 Giugno, hanno arrestato arrestato in flagranza del reato di detenzione e coltivazione di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”, Giuliano Caruso, 58enne, di Pollina, disoccupato.

Pubblicato in Pollina

I Carabinieri della Compagnia di Petralia Sottana a seguito di una mirata attività info-investigativa hanno tratto in arresto i fratelli petralesi G Allegra, 50 anni, pensionato e incensurato, e Fabrizio Allegra, 47 anni ed il figlio di quest’ultimo Dylan di 18 anni, per aver coltivato illegalmente 50 piante di “cannabis indica”.

L’operazione, denominata “montagna verde”, è scaturita dal sospetto di un Maresciallo dei Carabinieri della locale stazione che in paese negli ultimi mesi aveva notato la presenza di Fabrizio Allegra residente a Belmonte Mezzagno, gravato da diversi precedenti penali, che, insolitamente, da anni non tornava nel suo paese natio.

Pubblicato in Petralia Sottana