Montemaggiore Belsito, Inno al SS. Crocifisso musicato dal maestro Nunzio Ortolano

0
477

Musicato grazie al maestro Nunzio Ortolano e l’Associazione Musicale “Gioacchino Rossini” di Montemaggiore Belsito, un Inno al SS. Crocifisso che racconta la tradizione popolare e religiosa. Crocifisso che assieme a Sant’Agata sono i patroni del paese.
I socialnetwork il 24 aprile hanno diffuso questo post: “Il flash mob è una iniziativa con adesione volontaria di chiunque voglia. Il maestro Nunzio Ortolano ha composto un inno dedicato a Gesù Crocifisso che verrà eseguito all’inizio della processione del 3 maggio. Sarà cantato dal popolo mentre la banda eseguirà la parte strumentale. [Un] invito a partecipare in una logica inclusiva che vuole unire tutti.”
Quindi un invitato al flash mob per imparare L’Inno a Gesù crucifissu, venerdì 26 aprile 2024 alle ore 21,00, presso il “Centro polifunzionale Papa Karol Józef Wojtyła”.
È bello valorizzare la tradizione popolare ed elevarla, quasi, al rango di storia con la S maiuscola. Quando tutto ciò è ammantato dalla musica d’autore, l’operazione è ben riuscita e può continuare a sfidare il tempo, rinnovata e rinvigorita, come la tradizione del passato è giunta sino a noi.
Valorizzare la tradizione popolare e elevare la sua importanza è fondamentale per preservare la nostra identità culturale e storica. La musica d’autore ha un ruolo particolarmente significativo in questo processo, poiché può reinterpretare e arricchire i temi e le narrazioni della tradizione con nuove prospettive e sonorità, rendendole accessibili e rilevanti per le generazioni attuali e future.
Quando la musica d’autore si immerge nelle radici della tradizione popolare, può trasmettere un senso di continuità e connessione con il passato, mentre contemporaneamente aggiunge strati di significato e complessità che rispecchiano le sfide e le esperienze del presente. In questo modo, l’operazione diventa una forma di dialogo tra passato e presente, arricchendo entrambi e contribuendo alla continuità culturale nel tempo.
Il risultato di questo processo è un tessuto culturale più ricco e vibrante, in cui la tradizione popolare e la musica d’autore si intrecciano in modo armonioso, offrendo una panoramica dinamica della nostra storia e delle nostre identità.
Presenti il Parroco p. Salvatore Panzarella e tanti montemaggiorese che hanno cantato assieme, sulle note della Banda Gioacchino Rossini, che ha eseguito la composizione del M° Ortolano.
Santi Licata