Parco delle Madonie e Ordine dei Geologi di Sicilia, sottoscritta la convenzione

0
523

Sottoscritta presso la sede istituzionale di Palazzo Pucci Martines, la convenzione con l’Ordine regionale dei Geologi di Sicilia, per favorire tramite apposita Commissione tecnica, eventuali presidi territoriali diretti alle attività di prevenzione e contrasto del rischio geomorfologico ed idraulico a salvaguardia del territorio e, soprattutto nell’ottica di una particolare attenzione rivolta al quadro dei lavori permanenti della Commissione tecnica PAESAGGIO, GEOSITI, GEOTURISMO, PARCHI E ZONE PROTETTE in Sicilia, nonché la partecipazione a bandi progettuali.

L’accordo, siglato tra il Commissario straordinario dell’Ente Parco delle Madonie -Caltagirone e il Presidente dell’Ordine dei geologi di Sicilia -Mauro Corrao, ha visto, tra l’altro, oltre i geologi, la presenza dei Sindaci di Petralia Sottana, Castelbuono e Isnello.
Il Presidente dell’Ordine dei Geologi Corrao, chiarisce che, attraverso un costante lavoro di monitoraggio, sarà possibile “selezionare” bandi di concorso per intercettare capacità e risorse economiche, grazie ai lavori della Commissione tecnica che si occupa esclusivamente di parchi e geositi in Sicilia.
Si dovrà dare inizio, continua, ad un percorso di divulgazione che delinei gli itinerari geologici da seguire e sviluppi conseguenzialmente forme di opportunità in grado di mettere in evidenza significative peculiarità del Parco delle Madonie in tutte le sue valenze naturali e paesaggistiche. Sarà, poi, compito dell’Ente fornire ai geologi, tutti gli strumenti informativi tali da garantire la cosiddetta divulgazione pre-formativa e consentire una netta distinzione e identificazione della programmazione turistica all’E.P.M.

Il Commissario dell’Ente, sottolinea l’importanza dell’accordo e pone l’attenzione sull’attività di comunicazione. “E’ importante ed essenziale – dice Caltagirone -dar seguito all’approfondimento della notizia per una corretta divulgazione delle attività istituzionali di Parco. Un’informazione non corretta o incompleta, non rispetta i meccanismi di trasparenza nei riguardi del lettore-turista che, verificata l’attendibilità dei dati forniti, sarà in condizione di rispondere compiutamente all’offerta presentata. L’insieme dei geositi di un determinato territorio, infatti, costituisce il suo patrimonio geologico e ne esprime la geo diversità”.
Per questo, conclude, occorre lavorare nell’ottica di costruire sinergicamente, un “prodotto geosito” che rivesti turisticamente, carattere documentale tale da favorire la corretta divulgazione delle notizie, sulla base di eventi certi che possono illuminare ed esaltare le bellezze di questo Parco.

La convenzione, prosegue un’attività già avviata dall’Ente negli anni precedenti e consentirà, tra l’altro, di avvalersi di un gran numero di esperti, a supporto delle attività di rivalidazione del Geopark, già inserite in programma nella prima settimana di luglio.