Percepiva Reddito di Cittadinanza ma il figlio era detenuto: denunciata alla Procura di Termini Imerese

Giovedì, 21 Ottobre 2021 03:44 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nei giorni scorsi i la Guardia di Finanza, in esito ad attività di intelligence economico-finanziaria e in stretta sinergia e collaborazione info-operativa con l’INPS,

hanno individuato una signora risultata illecitamente beneficiaria del Reddito di Cittadinanza per un ammontare di oltre € 11.000. In particolare, le Fiamme Gialle di Bagheria hanno accertato che la donna, nella domanda di ammissione al citato beneficio, aveva omesso di indicare lo stato detentivo del figlio che, dal 2016, era destinatario della misura di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli per i reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione. Infatti, la presenza, all’interno del nucleo familiare beneficiario del sussidio, di soggetti che si trovano in stato detentivo, ovvero ricoverati in istituti a totale carico dello Stato o di altra amministrazione pubblica, provoca una riduzione del parametro della scala di equivalenza prevista dal decreto che istituisce il reddito di cittadinanza e, di conseguenza, anche una riduzione dell'importo spettante. Pertanto i finanzieri hanno proceduto a denunciare il beneficiario del reddito di cittadinanza alla Procura della Repubblica di Termini Imerese per i reati puniti dalla legge n. 26 del 2019 e contestualmente a comunicare l’indebito percettore agli uffici I.N.P.S. competenti territorialmente per l’irrogazione delle sanzioni amministrative di revoca del beneficio e per il recupero coattivo delle somme già indebitamente percepite, pari complessivamente a € 11.439,36.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.