L’Istituto Comprensivo “G. Oddo” di Caltavuturo non si tocca! lettera di protesta all’Assessore regionale all’Istruzione

Lunedì, 08 Febbraio 2021 13:25 Scritto da  Pubblicato in Caltavuturo
Vota questo articolo
(1 Vota)

L’Istituto Comprensivo “G. Oddo” di Caltavuturo non si tocca! Comincia così la lettera di protesta che il comitato pro I. C. “G. Oddo” di Caltavuturo, Scillato e Sclafani Bagni indirizza all’Assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale,

il deputato regionale Roberto Lagalla. Già nel novembre dello scorso anno l’istituto comprensivo con sede a Caltavuturo ha rischiato di sciogliersi per dare vita a un nuovo istituto comprensivo con sede a Collesano poiché non si raggiungeva il numero minimo (400) di alunni iscritti. In seguito alla protesta dei cittadini di tutti e tre i comuni facenti parte dell’istituto comprensivo “Oddo”, accompagnata anche da una petizione popolare, si è riusciti a evitare lo scioglimento e quindi a mantenere l’autonomia scolastica che ormai vige nei comuni della Val d’Imera settentrionale da parecchi anni; inoltre “la legge di Bilancio 2020 art. 165 consente,- come si può leggere nella lettera di protesta diffusa su Facebook - per l’a.s. 2021/2022, ai comuni montani e alle istituzioni autonome […] costituite con un numero minimo di alunni di 300, di ottenere l’autonomia scolastica con l’attribuzione di un Dirigente scolastico e un segretario titolari”.
Purtroppo è di pochi giorni fa la notizia che le sezioni scolastiche di Sclafani Bagni e Scillato sono state accorpate per l’anno scolastico venturo a Collesano, causando così lo scioglimento dello storico istituto “G. Oddo”, facendo perdere a Caltavuturo l’autonomia scolastica poiché perderebbe circa 80 alunni e non raggiungerebb eil numero minimo di iscritti per l’a.s. 21/22 (solo Caltavuturo raggiungerebbe 296 unità).
I cittadini dei 3 comuni madoniti chiedono all’assessore Lagalla “la restituzione” di ciò che gli è stato tolto, mantenendo intatta l’integrità e l’orgogliodell’Istituto Comprensivo “G. Oddo” di Caltavuturo.
Riccardo Rizzitello

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.