Coronavirus, Musumeci: "minori a passeggio? circolare ministero non si applica in Sicilia"

Giovedì, 02 Aprile 2020 01:32 Scritto da  Pubblicato in Sicilia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il primo sole primaverile ha fatto dimenticare probabilmente a molti che stiamo vivendo una profonda crisi sanitaria che continua a mietere vittime
anche se grazie al cielo con un cauto ottimismo possiamo notare che i numeri cominciano lentamente a scendere. Nelle ultime ore una circolare del Viminale ha fatto intendere che è possibile far uscire i minori accompagnati da un genitore o dal facente le veci per far fare loro quattro passi o andare a fare la spesa ma ciò potrebbe comportare una fonte di contagio per tal motivo il presiedente della Regione Siciliana, Nello Musumeci ha dichiarato che: "La nuova circolare del ministero dell’Interno in Sicilia non si applica. Mi riferisco - continua il presidente - alla possibilità che viene concessa ai minori, soprattutto, di poter fare, in compagnia di un genitore, la passeggiata vicino casa. Io ho l’impressione che in Sicilia si sia perso il punto di riferimento, nel senso che siamo tutti convinti che il peggio sia già passato e quindi possiamo permetterci anche qualche lusso.  Non è così. Non lasciamoci condizionare dalle notizie che arrivano dal Nord". Chiaramente il provvedimento di sospensione della circolare non è valido per i minori affetti da particolari patologie che potranno fare un breve giro sotto casa, insieme al genitore o ai tutori sempre seguendo quelle che sono le direttive in materia di sicurezza. "Siamo in guerra - conclude Musumeci - e non possiamo prendercela con nessuno. Questo nemico non lo conosciamo, è invisibile, ma sappiamo che cammina con le persone, quindi più ci muoviamo peggio è. Si tratta di un ulteriore sacrificio. Prepariamoci al picco che dovrebbe arrivare nelle prossime settimane. Il sistema sanitario siciliano sta facendo tutto il possibile per affrontare l’urto e vedrete che, con grande senso di responsabilità, se restiamo tutti uniti, ne usciremo bene da questa vicenda».
Giovanni Azzara

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.