Sit-in di protesta contro la guerra

Lunedì, 13 Gennaio 2020 23:54 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lo stop  all'escalation bellica in Medioriente, lo smantellamento della basi militari Usa nella regione, il ritiro delle truppe italiane dall'Iraq:

queste alcune delle richieste che hanno portato svariate persone in strada a Palermo, in un sit-in  di protesta organizzato ieri pomeriggio dinnanzi il Consolato americano.
Circa centocinquanta i manifestanti presenti, a ricordare che la  Sicilia, dove tuttora sono ubicate diverse postazioni militari statunitensi, tra tutte Sigonella, principale base terrestre dell'Us Navy nel Mediterraneo centrale, abbia  suo malgrado in vecchie e nuove guerre un ruolo logistico non indifferente.
La manifestazione è stata  indetta e autorizzata  a  distanza di soli pochi giorni dal raid avvenuto a Bagdad che ha causato la morte del Generale persiano Qasem Soleimani e la conseguente reazione iraniana con missili lanciati contro due  basi Usa ubicate in Iraq.
In particolare nell'Isola il dibattito sul tema  è stato particolarmente acceso per la tesi, finora ufficialmente  smentita, secondo la quale i droni  americani in occasione del raid fossero per l'appunto partiti da Sigonella.
Tra gli slogan urlati “La Sicilia non è zona di guerra, via le basi Nato dalla nostra terra” e la “ Sicilia sarà sempre più bella senza il Muos e senza Sigonella”.
Accanto alla gente comune spiccano poi i militanti con  le bandiere di partito, da Pap al Partito Comunista  o di sigle sindacali come l'Usb; in strada poi  anche volti noti della Cgil e  dei movimenti antagonisti cittadini.
Per molti di loro si replicherà a Sigonella, giornata in cui è prevista una mobilitazione nazionale  per dire no alla guerra.
Francesco Fustaneo

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.