Escursioni del WWF Sicilia Nord Occidentale a Lago Preola e Gorghi Tondi a Mazara del Vallo

Lunedì, 04 Febbraio 2019 23:37 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(1 Vota)

Domenica 10 Febbraio 2019 il gruppo escursioni del WWF Sicilia Nord Occidentale visiterà la Riserva Regionale Integrale Lago Preola e Gorghi Tondi, a Mazara del Vallo gestita proprio dal WWF Italia.

Sarà l'occasione per conoscere un posto stupendo ricco di biodiversità salvato dalla speculazione edilizia dal WWF rendendola oasi. Nei laghetti si scorgono facilmente specie avicole tutto l'anno rendendo la vista estremamente interessante dal punto di vista faunistico. Sarà effettuato un breve Trekking e un Birdwatching guidato dal personale della riserva. Utile quindi portare con se binocoli, telecamere o macchine fotografiche con zoom e treppiede.
Si tratta di una zona umida di origine carsica posta nel territorio di Mazara del Vallo, formata da specchi lacustri naturali salmastri, denominati storicamente laghi del Cantarro, circondati da cordoni di vegetazione palustre e dalla vegetazione a macchia mediterranea, che ne ricopre buona parte dei costoni calcarenitici. L’estensione dell riserva naturale è di circa 335 ettari, suddivisa in due zone, A e B.
L’intera area, strategica per l’avifauna migratoria, fa parte dell’area ZPS “Laghetti di Preola Gorghi Tondi sciare di Mazara e Pantano Leone”.
Partendo da nord-ovest verso sud-est si susseguono in successione cinque bacini: il pantano Murana, il lago Preola ed i tre Gorghi tondi, alto medio e basso.
All’interno dell‘oasi il paesaggio agrario è caratterizzato da colture tradizionali, con prevalenza a vigneto ed uliveto.
I cordoni di vegetazione palustre che circondano i bacini rappresentano biotopi ideali per flora e fauna, con presenza di piante acquatiche palustri come la cannuccia, lo scirpo, la tifa, il carice ed il giunco. Sui costoni sovrastanti spiccano invece associazioni vegetali a quercia spinosa, lentisco e olivastro, è presente anche una fitta lecceta relitta in località bosco del Cantarro.
Gli ambienti dell’oasi, nei periodi primaverili ed autunnali, vengono frequentati da diverse specie di anatidi: germano reale, alzavola, fischione, moretta e moretta tabaccata, codone, marzaiola, anche dalla folaga, dalla gallinella d’acqua dal tuffetto e dallo svasso maggiore.
Rilevanti, inoltre, le presenze di ardeidi come il tarabusino, la nitticora, l’airone cinerino, la garzetta e di rallidi come il porciglione e la schiribilla.
In primavera periodo indicato per il trekking ed il birdwatching è possibile osservare il pollo sultano, il mignattaio, il mestolone, la cicogna bianca il fistione turco e l’anatra marmorizzata.
Tra i rapaci diurni si possono osservare il gheppio e la poiana, il falco di palude, il falco pecchiaiolo e la cicogna bianca in migrazione, il falco pescatore e l‘aquila minore che qui trascorrono i periodi invernali. Ai gorghi vive una popolazione di testuggine palustre, mentre lungo i costoni, in profonde ed articolate tane trovano rifugio l’istrice, la donnola e la martora. Tra gli anfibi sono presenti il rospo smeraldino, la raganella, la natrice ed il biacco ed il ramarro.
La visita è facile e aperta a tutti. La lunghezza del percorso è di 5 Km circa con stradelle sterrate e brevi tratti di terreno naturale. Tempo di percorrenza: 6 ore circa tra cammino e soste.
L’appuntamento è al Parcheggio Giotto, lato via Giotto, Palermo ore 8.15 partenza ore 8.30. Non necessita prenotazione. partecipa chi si presenta all’appuntamento. Per chi proviene dalla zona di Agrigento/ Trapani e Mazara del Vallo l’appuntamento è alle ore 9:45 Bar Buscaino, svincolo Castelvetrano. Per il raggiungimento del punto d’inizio dell’escursione verranno usate le auto private, le spese di viaggio verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto (percorso auto a/r da Palermo circa 260 km circa). La colazione sarà al sacco, a carico di ogni partecipante (da non dimenticare la provvista d’acqua). Attrezzatura e Abbigliamento: Consigliati: binocolo, cannocchiale, macchina fotografica con zoom almeno 24x – Abbigliamento adatto alla stagione. Sono necessari scarponi da escursionismo senza i quali non si potrà partecipare all’escursione. Portare anche scarpe di ricambio per poterle indossare a fine escursione ed evitare così di sporcare l’auto nella quale si è ospiti. Consigliati bastoncini da trekking. E’ un percorso idoneo a bambini. Siamo in riserva quindi non è possibile introdurre animali domestici. Contributo: Non Soci 5 Euro – Soci 3 Euro. Il contributo comprende l’assicurazione contro infortuni. Il rientro a Palermo è previsto intorno alle ore 18.

Info: Stefania D’Angelo (347 136 2182) Pietro Ciulla (338 186 4718).

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.