Il presidente del Parco delle Madonie Pizzuto condannato a un anno di reclusione. E i sindaci di Caltavuturo e Castellana ne chiedono le dimissioni

0
35

L’attuale presidente dell’ente Parco delle Madonie Angelo Pizzuto è stato condannato a un anno di reclusione e a dieci mesi di interdizione dai pubblici uffici per truffa.

La vicenda riguarda un viaggio in Canada di una delegazione per la sponsorizzazione di prodotti madoniti. Appreso della condanna per truffa del Presidente Angelo Pizzuto i sindaci di Castellana Sicula Pino Di Martino e di Caltavuturo Domenico Giannopolo lo hanno invitato a dimettersi. “E il minimo che in questi casi si dovrebbe fare – hanno dichiarato se c’è ancora un senso etico e morale, se c’è il rispetto delle istituzioni e dei cittadini. Auguriamo a Pizzuto di dimostrare nei successivi gradi di giudizio la sua estraneità ad ogni addebito, tuttavia nelle more di tutto ciò occorre garantire autorevolezza e prestigio all’Ente Parco e alle Istituzioni comunali che lo compongono”. La vicenda che ha visto condannare, in primo grado, dal gup del Tribunale di Termini Imerese Angelo Pizzuto (nella foto) risale al 2011, già stigmatizzata dal sindaco Pino Di Martino che già nel 2012 aveva invitato il presidente dell’Ente Parco Madonie a farsi da parte.