Arriva a Palermo il terribile crack. I carabinieri scovano un laboratorio di lavorazione della pericolosa droga

Domenica, 04 Dicembre 2016 17:35 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

I Carabinieri della compagnia Piazza Verdi, hanno scovato un laboratorio di crack a Palermo in un appartamento di via del Fondaco n. 5.

I militari hanno tratto in arresto Jimmy Aimiegbefo, 34 enne di origine nigeriane (nella foto piccola), ritenuto responsabile dei reati di detenzione ai fini di spaccio di cocaina e detenzione abusiva di arma da fuoco clandestina. Appena varcata la soglia dell’appartamento, i militari hanno scoperto un vero e proprio “laboratorio” per la preparazione, il taglio, la pesatura ed il confezionamento di cocaina. Accanto all’uomo, seduto su una sedia, quasi ad aspettare il loro arrivo, una pistola semiautomatica completa di cartucce e caricatore. Sul tavolo della cucina, il market della droga: 90 grammi di cocaina, suddivisa in 196 dosi di cui una parte confezionata “in cristalli”, quindi, già trasformata in “crack”, chiusi in imballi di colore blu termosaldate e 1600 euro in contanti. Il “crack” è una sostanza stupefacente ricavata, tramite processi chimici, dalla cocaina. Viene assunta inalando il fumo dopo aver surriscaldato i cristalli in pipe apposite di vetro o ricavate spesso da bottiglie di plastica modificate o lattine. Questa operazione provoca degli scricchiolii che danno origine al suo nome. E’ uno stupefacente altamente pericoloso, i cui effetti hanno una “salita” immediata ed intensa. Il “crack” viene sintetizzato a partire dalla cocaina in polvere con una base debole, solitamente bicarbonato di sodio. Tutti elementi rivenuti all’interno della crack house: fornelletto da campeggio e pentolino, un panno di stoffa usato da filtro e un pacco di bicarbonato già aperto.  Jimmy Aimiegbefo, su ordine della Procura di Palermo, è stato trasferito al carcere “Pagliarelli” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.