Un contributo per le partorienti dell'entroterra siciliano. Lo prevede un emendamento alla finanziaria

Giovedì, 01 Dicembre 2016 15:07 Scritto da  Pubblicato in Sicilia
Vota questo articolo
(1 Vota)
Perché non estendere il contributo per le partorienti delle isole minori siciliane, anche alle puerpere abitanti nell'entroterra dell'isola, altrettanto disagiate?
L'idea è del deputato regionale Pietro Alongi, che ha presentato all'Ars un emendamento alla finanziaria regionale, tuttora in discussione a palazzo dei Normanni, per assegnare un contributo fino a tremila euro alle partorienti che risiedono nei paesini dell'entroterra della Sicilia, spesso in condizioni di disagio pratico, soprattutto dopo la soppressione o la riduzione dei punti nascita isolani. In questo modo si tenta di contenere la difficoltà delle donne, che devono spostarsi, a volte per parecchi chilometri, per riuscire a trovare un ospedale con un reparto di ostetricia attivo, disagio che non è diverso da chi da Lampedusa o Salina deve prendere una nave o l'aereo per raggiungere la terra ferma e partorire in tutta tranquillità. Da qui l'idea di estendere il concorso economico anche alle puerpere dei Nebrodi o delle Madonie.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.