Che fine ha fatto il senza tetto aggredito lo scorso anno alla stazione di Termini? Adesso sta bene e non si riconosce più

Martedì, 10 Maggio 2016 13:31 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(10 Voti)
Vi ricordate del senza tetto aggredito nel mese di marzo 2015 alla stazione ferroviaria di Termini Imerese?
Da allora ne abbiamo perso le tracce. Non si vede infatti più in giro, ciabattare per le vie del paese o disteso lungo lungo su una panchina. Eppure, se guardate bene la foto che pubblichiamo qui, stenterete sicuramente a riconoscerlo. Invece è proprio lui l'uomo con la felpa blu, Agostino Sansone, ripulito, sistemato, sobrio e soprattutto felice di avere trovato una famiglia ed una nuova esistenza. Non è più Ustinu Maiulinu, come era conosciuto finora ai suoi concittadini; il senza fissa dimora, l'ubriacone che campava alla giornata. Ormai anch'egli ha riacquistato la sua dignità di uomo e cittadino, grazie all'opera di due "angeli", i carabinieri, che l'hanno salvato da morte certa, ed il personale della casa per anziani "Villa Luminosa" che l'ha accolto. "Dopo quello che mi è accaduto - dice Sansone - ci sono state due persone che mi hanno accudito in ospedale prima e accogliendomi a casa loro poi. Essi sono Luigi e Mariella, a cui devo molto". Sono stati proprio loro (Luigi e Mariella Montechiaro), infatti, ad assisterlo amorevolmente ed accoglierlo prima in casa e poi a Villa Luminosa, dove Sansone si trova attualmente, cambiando completamente vita. E tutto questo è accaduto dopo che due carabinieri lo hanno strappato da morte certa, per essere stato aggredito con un colpo in testa a scopo di rapina da un energumeno, mentre si trovava alla stazione ferroviaria. Fortunatamente una pattuglia di carabinieri, che si trovava sul posto, è riuscita a bloccare l'aggressore e soccorrere Sansone, privo di sensi dopo il colpo alla testa, salvandogli la vita. Era il 14 marzo del 2015. Da allora per Ustinu Maiulinu tutto è cambiato. In meglio. E dell'aggressione subita gli rimane solo un brutto ricordo ed una profonda cicatrice sulla testa.

2 commenti

  • Link al commento Stefano Giovedì, 12 Maggio 2016 18:39 inviato da Stefano

    IN BOCCA AL LUPO AGOSTINO

  • Link al commento sperandeo carlo Martedì, 10 Maggio 2016 18:08 inviato da sperandeo carlo

    x me e stato sempre una brava persona ed ho sempre avuto rispetto lo conosco da sempre, spero adesso possa vivere come merita la sua persona... auguri agostino...

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.