Alla barriera di Buonfornello la Polizia ferma due individui con 90 kg i Hashish per un valore di 400mila euro

Giovedì, 21 Gennaio 2016 14:41 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(2 Voti)

Nella giornata di ieri, sul tratto autostradale della A 20 ME-PA, subito dopo la barriera di Buonfornello, i poliziotti della Sezione Antidroga della Squadra Mobile palermitana, hanno individuavano una Citroen Berlingo,

che viaggiava in direzione Palermo, ritenuta sospetta, con a bordo due individui, successivamente identificati per Antonio Pillitteri 42enne e  Melchiorre Martini 28enne. I due soggetti alla vista dei controlli, hanno tradito la loro ansia di essere intercettati, frenando bruscamente. Tale comportamento ha attirato l’attenzione degli agenti anche alla luce del mezzo utilizzato dagli stessi in quanto dalla targa risultava preso a noleggio qualche giorno prima. I primi controlli effettuati sui soggetti hanno evidenziato che entrambi, genero e suocero, avessero dei precedenti di polizia, da qui la decisione di estendere i controlli all’autovettura. Anche questa intuizione si è rivelata azzeccata in quanto, all’interno del baule posto sul portapacchi  dell’auto, gli agenti hanno rinvenuto un migliaio di panetti di hashish per un peso complessivo di 90 kg ed un valore sul “mercato” di circa 400mila €, inoltre addosso ai due è stata anche trovata la somma di 1.500 €. I poliziotti hanno sequestrato sia la droga che le somme ritrovate ed hanno proceduto all’arresto dei corrieri. Gli arresti sono stati effettuati da personale della Squadra Mobile diretta dal Dr. Rodolfo Ruperti, nell’ambito di servizi predisposti dalla Questura di Palermo volti ad infrenare il traffico e lo spaccio di stupefacenti. I servizi predisposti vedono impegnati agenti in uniforme delle Volanti ed in borghese della Squadra Mobile con lo scopo di monitorare, le principali arterie cittadine nonché gli assi viari autostradali piu’ importanti che adducono al capoluogo. Ai servizi partecipano anche unita’ cinofile antidroga della Questura.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.