Inaugurato a Palazzo Sgadari il Museo della Fotografia

Martedì, 22 Dicembre 2015 11:20 Scritto da  Pubblicato in Gangi
Vota questo articolo
(0 Voti)

E’ stata ufficialmente inaugurata, nel nuovo spazio di Palazzo Sgadari di Gangi, la nuova sezione museale dedicata alla fotografia 

che custodirà antichissime macchine fotografiche, foto e cimeli che facevano parte della collezione di Giuseppe e Francesco Albergamo, noti fotografi che hanno operato agli inizi del secolo scorso e fino agli anni sessanta a Palermo. Al Comune Madonita che ha dato i natali al capo stipite Giuseppe, l’erede e nipote, Gaetano Albergamo ha voluto donare pezzi unici e importanti scatti fotografici anche della Palermo durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale. “Giuseppe Albergamo è nato nel 1888 a Gangi - ha raccontato il nipote Gaetano - dalle spiccate qualità artistiche e professionali, oltre alla fotografia amava la musica, la letteratura e il teatro, s’impose con grandi meriti sia nel territorio che in campo nazionale ed estero con i suoi preziosi scatti e l’arte del ritocco a mano delle fotografie. Noto fotografo e pluripremiato gli furono infatti assegnati nel 1923 due alti riconoscimenti quale vincitore del 1° premio all’Esposizione del Progresso Industriale a Roma e all’Exposition International du Progés Moderne a Parigi con l’assegnazione di due diplomi, di due medaglie d’oro e la Croce di Ufficiale del lavoro. Dal 1930 al 1960 ebbe accanto a lui il figlio Francesco che ne assecondò l’impegno e la scienza, poi il declino, la malattia, morì, il 24 maggio 1964”.“Il Comune di Gangi – ha detto il sindaco Giuseppe Ferrarello – ha oramai tracciato un solco che ci porta a valorizzare i nostri beni culturali e a promuovere il turismo in ogni maniera arricchendo il nostro patrimonio museale, con famiglia Albergamo che voglio ringraziare di cuore per il gesto verso la comunità, ci siamo impegnati a mantenere l'integrità, tutelare, conservare e rendere fruibile quanto ci è stato donato, un sentito ringraziamento va anche a Salvatore Aiello presidente dell’associazione Ester Mazzoleni che ha contribuito a catalogare i cimeli donati”. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.