Furto in due ville di Campofelice di Roccella. Banda di ragazzi denunciata dalla Polizia

Martedì, 06 Ottobre 2015 13:08 Scritto da  Pubblicato in Campofelice
Vota questo articolo
(3 Voti)

La Polizia di Stato, grazie alla Polfer, ha denunciato 3 ragazzi (di cui due minorenni) all’Autorità Giudiziaria per furto in abitazione, aggravato e continuato in concorso tra loro. I poliziotti hanno recuperato tutta la refurtiva, restituendola ai legittimi proprietari.

Le denunce sono maturate, alle prime luci dell’alba, quando un poliziotto appartenente al Compartimento di Polizia Ferroviaria di Palermo, in abiti civili, mentre era in attesa del treno che, come tutte le mattine, dalla Stazione di Campofelice di Roccella lo avrebbe portato, a lavoro, a Palermo, ha notato tre soggetti che, muniti di grossi sacchi neri da cui fuoriuscivano un televisore ed un decespugliatore, sono saliti sul suo stesso treno. Insospettito, il poliziotto non ha mai perso di vista i giovani e, quando si è reso conto del fatto che i tre scendessero, come lui, alla Stazione di Palermo C.le, ha avvisato i colleghi della “Polfer”, unitamente ai quali, una volta in Stazione, ha fermato i tre sospetti. Questi, due diciassettenni e un diciottenne, sono risultati pluripregiudicati.

All’interno dei sacchi che tenevano con disinvoltura, sono stati trovati 2 televisori, un tagliasiepi, una saldatrice, una macchina fotografica, 3 decoder e altro materiale elettronico che i giovani hanno vanamente tentato di spacciare come proprio. Dai successivi accertamenti, grazie anche alle foto impresse nella memoria della macchina fotografica, i poliziotti della “Polfer” sono risaliti ai proprietari e da qui, alle due ville poco prima razziate, site nella zona balneare di Campofelice di Roccella.

Di fronte all’evidenza dei fatti, e messi alle strette dalle incalzanti domande dei poliziotti, i tre ragazzi hanno confessato i furti e sono stati, quindi, denunciati in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria e, nel caso dei minorenni, riaffidati ai genitori.

La refurtiva, invece, è stata riconsegnata ai legittimi proprietari, sorpresi dalla tempestività dell’azione della polizia.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.