Emergenza maltempo. Disagi nei paesi nella notte di San Silvestro. Diversi gli interventi dei Carabinieri

Giovedì, 01 Gennaio 2015 15:20 Scritto da  Pubblicato in Madonie
Vota questo articolo
(0 Voti)

Le avverse condizioni meteorologiche che hanno accompagnato la notte di San Silvestro hanno prodotto diversi disagi soprattutto in alcuni paesi delle Madonie. Prezioso molto spesso l’intervento dei Carabinieri a fianco della Protezione civile. Un impegno senza sosta, iniziato nella tarda mattinata di ieri e ancora in corso con servizi intensificati sulle principali arterie stradali della provincia, rispondendo alle tante richieste pervenute al numero di emergenza “112”.

Anzitutto le chiamate dei tanti automobilisti, molti dei quali costretti ad abbandonare le auto per strada, impossibilitati a proseguire. Spesso i Carabinieri hanno fatto la spola tutta la notte per trasportare i malcapitati, a bordo dei mezzi fuoristrada dell’Arma, verso i paesi limitrofi, e qualche volta i viaggiatori sono stati accolti nelle caserme dell’arma. All’origine degli interventi purtroppo non solo il maltempo, ma anche in alcune circostanze decisioni a dir poco imprudenti. In un caso i Carabinieri giunti in soccorso di una comitiva rimasta bloccata dalla neve alla domanda di quale fosse il motivo per cui si fossero messi in viaggio nonostante la neve si sono sentiti rispondere: “abbiamo pagato 30 € a testa per il veglione e non vogliamo perderli”. Chiaramente anche loro tutti soccorsi e portati in caserma… a festeggiare. Un’attenzione particolare alle fasce più deboli: malati e anziani bisognosi. A Castellana Sicula, i militari mediante un servizio di staffetta organizzato tra personale delle Compagnie di Cefalù e Petralia Sottana, consegnavano al Pronto Soccorso dell’Ospedale Madonna dell’Alto alcune sacche di sangue urgenti prelevate dall’Ospedale di Cefalù. Ad Alimena i militari della locale Stazione prestavano assistenza ed accompagnavano con urgenza due persone anziane che avevano bisogno di raggiungere il Centro Dialisi in località “Madonnuzza” perché rimasti bloccati nelle rispettive abitazioni e dopo le cure mediche riportate a casa, infine ad Isnello i militari prestavano assistenza ed accompagnavano con urgenza un 80enne dializzato presso l’Ospedale di Cefalù e dopo le cure riportato a casa. In questo momento sono ancora diverse le strade chiuse al traffico, anche se la situazione si va normalizzando.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.