Le Madonie avranno ancora lo sci nel proprio futuro?

Lunedì, 06 Ottobre 2014 16:13 Scritto da  Pubblicato in Madonie
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lo sci a Piano Battaglia morirà definitivamente? Giorno 8 si dovrebbe tenere la gara d'appalto per il futuro della stazione sciistica. Stamattina alle ore 12 presso gli uffici dell'UREGA (Unità regionale grandi appalti), dell'Associazione pro Piano Battaglia e Madonie, si è svolta una manifestazione per chiedere un'accelerazione sull'ammodernamento della stazione sciistica di Piano Battaglia.

Tra gli altri presenti il presidente del Parco delle Madonie, Angelo Pizzuto, Franco Scancarello, ex assessore all’impiantistica sportiva della provincia di Palermo e Stefania Petyx di Striscia la Notizia.
"A nome dell’Associazione pro Piano Battaglia e Madonie, - aveva dichiarato Mario Ziino, presidente dell'Associazione chiamando tutti a raccolta - chiedo: a tutti gli amanti della montagna e del rispetto della natura, a tutti gli operatori delle Madonie, a tutti gli appassionati di sci invernale ed ai bikers estivi, a tutti coloro che desiderano passare le giornate e le vacanze nelle nostre amatissime montagne, a tutti gli imprenditori che rispettano le regole e le procedure amministrative per l’indizione e svolgimento delle gare della pubblica amministrazione, a tutti i seri funzionari e tecnici della pubblica amministrazione che si sono impegnati in questi anni alla preparazione ed alla pubblicazione della gara per gli impianti di risalita, a tutti i nostri 180 associati, di riunirci presso la sede dell’Urega di Palermo per fare sentire la nostra voce e chiedere di rispettare i termini pubblicati in termini di gara per l’espletamento delle procedure messe a bando".
Oggi pomeriggio intanto alle 17 a Petralia i Sindaci di alcuni paesi delle Madonie si riuniranno per parlare del futuro del comprensorio e della gara d’appalto per Piano Battaglia.
Quella di Piano battaglia è la seconda stazione sciistica della Sicilia (dopo quelle sull'Etna) ma è chiusa da qualche anno per la situazione degli impianti. La nuova seggiovia permetterebbe di riaprire al turismo invernale.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.