Rapina a mano armata al bar Carmeni di piazza La Masa. E su Facebook scoppia la polemica sugli autori

Domenica, 17 Febbraio 2013 03:19 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)

Erano le ore 20 e15 quando Giuseppe Carmeni si stavano apprestando a chiudere il bar tabacchi che conduce da molti anni insieme al padre. Proprio in quel momento sono entrati all’interno del locale tre rapinatori armati di pistola che hanno chiesto il denaro della cassa. Ma i titolari del bar non si sono fatti intimorire e hanno reagito. Ne è nata una colluttazione e i Carmeni sono riusciti ad immobilizzare uno dei rapinatori mentre l’altro è riuscito a fuggire.

Le forze dell'ordine sopraggiunti hanno arrestato il rapinatore, mentre i titolari del bar tabacchi, che erano rimasti leggermente feriti durante la lotta, venivano soccorsi. Si stanno svolgendo indagini per catturare l’altro malvivente.

Intanto che erano in corso le prime indagini scoppiava una furiosa polemica su Facebook. Mentre arrivavano i primi commenti sul deprecabile episodio e messaggi di solidarietà alle vittime della rapina si inseriva l’avv. Vito Patanella, ex Assessore del Comune di Cefalù durante la precedente amministrazione Guercio che esordiva: “Colpa del porco di Marchionne”. Alla richiesta di precisazione di altri utenti aggiungeva: “Se metti in ginocchio l’economia di un territorio e poi succedono certe cose di chi volete che sia la colpa”. A questo punto sono piovute sull’ex assessore cefaludese un coro di critiche ed inutili sono state le precisazione dell’avv. Patanella che affermava di essere stato frainteso. Tra tutti il giudizio più duro è quello di Gino Cosenza, un ex operaio Fiat che affermava: “Ma Lei non si preoccupi signor Vito Patanella ancora non abbiamo questo tipo di disperazione qui a Termini Imerese e nemmeno l’avremo nei prossimi mesi perché le ripeto noi abbiamo dignità, anche se siamo da 15 mesi in cassa integrazione, anche se andremo in mobilità e anche se rimarremo disoccupati. E successivamente continuava “non si permetta le ripeto di pensare che possa essere un lavoratore di Fiat auto o un lavoratore di Fiat indotto e mi faccia la cortesia e la gentilezza di non continuare ad insinuare”. Ed infine “Signor Vito Patanella Lei mi sa che ha la pancia piena e vuole solo insultare un po' la gente che ha le scatole gonfie e le ripeto che mi sta dando fastidio !!!” Il più sarcastico invece quello di Alessandra Pagano: “Mi scusi Signor Vito Patanella ma lei si rende conto o no delle minchiate che sta sparando????”

Nella foto il bar tabacchi a Piazza La Masa.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.