Collesano

Nell’ambito della manifestazione “Le Notti di BCsicilia” si terrà lunedì 30 Luglio 2018 alle ore 21,30 l’iniziativa “Viaggio nella storia di Collesano: dal Castello al Palazzo comunale”.
Il clima politico a Collesano si fa sempre più caldo. Dopo il primo consiglio comunale del 26 giugno scorso dai toni molto accesi, il comizio del 6 luglio sera, in cui l’opposizione ha ringraziato gli elettori che hanno sostenuto il gruppo “Un’altra storia per Collesano”, è stato anche l’occasione per annunciare una querela all’indirizzo dell’attuale capogruppo di maggioranza, Daniele Carlino, e il ricorso alla giustizia amministrativa per contestare il risultato elettorale del 10 giugno.
Consiglio dai nervi tesi quello del 26 giugno scorso, il primo dalle amministrative del 10 che hanno assegnato la vittoria, pur di misura, a Giovanni Battista Meli, alla guida della compagine “Prima di tutto Collesano”.
La regola d’oro delle elezioni, che scivolano scheda dopo scheda, è quella per cui, visto il primo trend, è possibile con quasi matematica certezza individuare il candidato che sarà poi proclamato vincitore. Una regola che, in fondo, ha sempre dato conferma; eppure come ogni regola, ne è ammessa l’eccezione. E a Collesano, nella notte tra il 10 e l’11 giugno, è quel che è accaduto.
Torna l’iniziativa promossa dall’Ue contro il littering e l’abbandono dei rifiuti.
Dopo la scelta di candidarsi alla carica di sindaco, in occasione delle amministrative del 10 giugno prossimo, Domenico Mastrolembo Ventura si è dimesso.
Tra passi indietro, conferme, novità e cambi di casacca, alla fine il quadro si è delineato in vista del termine di scadenza utile per la presentazione delle liste. Obiettivo: 10 giugno, giorno in cui le urne forniranno il responso, al netto dell’incognita astensionismo e voto nullo.
Le dichiarazioni di Domenico Mastrolembo Ventura, Commissario straordinario del Comune di Collesano, a seguito della sfiducia all’ex sindaco Angelo Di Gesaro lo scorso agosto, hanno creato un vespaio di polemiche, tanto che sono intervenuti pure deputati regionali e nazionali per chiederne le dimissioni.
Quest’anno è la edizione numero 102 della Targa Florio, “a Cursa” per antonomasia, che ha legato la sua storia a quella delle Madonie e di alcuni Comuni. Tra questi, Cerda, Campofelice di Roccella e, in particolare, Collesano, sede del riconosciuto Museo della Targa Florio e culla d’adozione di Nino Vaccarella, il “Preside volante”, uno dei principali protagonisti in assoluto della manifestazione.
Domenico Mastrolembo Ventura, commissario straordinario del Comune di Collesano a seguito della sfiducia dell’ex sindaco Angelo Di Gesaro, votata in consiglio comunale lo scorso agosto, con una nota diffusa sulla stampa aveva manifestato la sua intenzione di «proseguire il mio impegno – dichiarava a fine aprile – a favore di questa Comunità nelle vesti e nella qualità di futuro Sindaco partecipando alla imminente contesa elettorale» che porterà i cittadini alle urne il 10 giugno.