Gangi, weekend ad ammirare le mitiche Harley Davidson e le vecchie Fiat 500

0
69

A Gangi weekend dedicato agli amanti delle auto e moto. In due giorni il borgo più bello d’Italia è stato visitato dal moto raduno delle Harley Davidson e dal “3° Historic Car Meeting” raduno della mitica 500.

Domenica mattina, circa 50 motociclisti del gruppo “Etna Chapter Italy”, uno dei gruppi più numerosi ed amanti delle mitiche Harley Davidson in Sicilia, guidati dal direttore Carmelo Lisitano, hanno invaso con la loro simpatia il centro storico del Borgo più bello d’Italia(2014). Dopo una visita al santuario dello Spirito Santo è stato consentito loro il transito lungo corso Vitale, piazza del Popolo, corso Umberto I°, per raggiungere e sostare in Piazza San Paolo ed essere ammirate dagli amanti delle due ruote. A far da guida il gangitano Antonio Cammarata. Ad accoglierli il sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarello, gli assessori: Mimmo Alfonzo, Stefano Sauro, Tiziana Ballistreri e la consigliera Valentina Farinella.

Più lunga la sosta delle mitiche Fiat 500 a Gangi. Per due giorni si è svolto il raduno in occasione del “3° Historic Car Meeting a Gangi”. La sezione di Palermo del Club, coordinata da Vincenzo Siragusa, ha scelto per il secondo anno consecutivo il borgo madonita per il raduno annuale che si è svolto in contemporanea con quello nazionale del Fiat 500 Club Italia, con sede a Garlenda, in Liguria. Appassionati del grande mito italiano in carovana hanno attraversato il centro cittadino prima di essere ricevuti, a palazzo Bongiorno, dal sindaco Giuseppe Ferrarello. Sedici gli equipaggi, 14 provenienti da Palermo e 2 da Marsala.

“Una due giorni dove gli amanti delle mitiche Harley Davidson e delle vecchie 500 hanno potuto ammirare le bellezze monumentali ed artistiche di Gangi – ha detto il sindaco Giuseppe Ferrarello- abbiamo accolto con entusiasmo la scelta dei due club di visitare il nostro borgo, li abbiamo accolti e accompagnati per una visita del paese. Anche questo è un modo per promuovere il brand Gangi nel mondo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here