Comune di Gangi aderisce all’Associazione Nazionale “Città del Tartufo” con sede ad Alba

0
522

Il comune di Gangi aderisce all’Associazione Nazionale “Città del Tartufo” con sede ad Alba in provincia di Cuneo. Sono una decina i territori italiani e circa 70 gli iscritti selezionati dall’associazione nata nel 1990 nella cittadina piemontese. In Sicilia sono sette i comuni che già ne facevano parte: Sambuca, Burgio, Palazzo Adriano, Castell’Umberto, Castelbuono, Capizzi e Palazzolo Acreide.

“Nelle ultime settimane – ha detto il sindaco Giuseppe Ferrarello – esperti della cerca del tartufo, hanno ritrovato nel territorio di Gangi alcune specie di tartufi identificabili nel tartufo bianchetto o marzuolo e nel tartufo scorzone, una vera sorpresa, ma anche una fortuna, ora cercheremo attraverso il tartufo di implementare la promozione e la valorizzazione del territorio attraverso l’enogastronomia. La cerca e cavatura del tartufo può rappresentare certamente un volano di crescita per il turismo ambientale rafforzata anche dalla limitrofa presenza del Parco delle Madonie. L’adesione all’Associazione Nazionale “Città del Tartufo” è una vera e propria opportunità economica per i nostri operatori economici del settore della ristorazione”.

La raccolta del tartufo può diventare un’importante opportunità supplementare per promuovere turisticamente Gangi, come è accaduto in altre realtà italiane, per lo sviluppo di un’economia a misura d’uomo che punti alla valorizzazione del territorio e dei suoi prodotti mettendo al centro la tutela dell’ambiente tartufigeno. L’idea è quella della promozione attraverso una rete regionale della gastronomia attraverso l’impiego del tartufo locale nelle varie produzioni alimentari che sicuramente può determinare una ricaduta positiva, in termini di rafforzamento e localizzazione della vocazione tartufogena nel territorio. Basti pensare che “Cerca e Cavatura del Tartufo in Italia” è stata inserita dall’Unesco nella lista rappresentativa del Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità.