Arrestato all’aeroporto Falcone Borsellino nigeriano con un chilogrammo di eroina nello stomaco

Martedì, 17 Novembre 2020 09:32 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

I militari della Guardia di Finanza di Punta Raisi, unitamente ai Funzionari dell’Ufficio delle Dogane, hanno portato a termine un’importante operazione nel quadro del contrasto al traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Il controllo effettuato su un cittadino di nazionalità nigeriana partito dall’Aeroporto di Charleroi (Belgio) ha fatto sorgere il sospetto che lo stesso potesse nascondere all’interno del proprio corpo ovuli contenenti sostanza stupefacente. Pertanto – previa autorizzazione dell’A.G. palermitana – lo stesso veniva sottoposto ad accertamenti radiologici presso l’Azienda Ospedaliera di Villa Sofia, che confermavano la presenza di numerosi corpi estranei.
Dopo un breve ricovero presso la stessa struttura ospedaliera il soggetto espelleva sostanza stupefacente, che al droptest è risultata essere del tipo eroina, avente un peso complessivo pari a gr. 950 circa suddivisa in 66 ovuli.
La sostanza stupefacente è stata sequestrata ed il nigeriano posto in stato di arresto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria presso il carcere “Pagliarelli” di Palermo. 
A far data dal mese di giugno le Fiamme Gialle della Compagnia di Punta Raisi hanno effettuato oltre 500 controlli nei confronti dei passeggeri, provenienti soprattutto da Paesi dell’Unione Europea, sottoponendo a sequestro oltre 50 dosi di hashish, marijuana ed eroina.
L’attività di servizio si inquadra nell’ambito della costante azione di controllo assicurata dalla Guardia di Finanza e dall’Agenzia delle Dogane a contrasto dei traffici illeciti che attraverso gli spazi doganali interessano il territorio nazionale.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.