Golfo di Termini Imerese. Operazione “Mare Sicuro”: interventi della Guardia Costiera

Giovedì, 06 Agosto 2020 19:42 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nei giorni scorsi, il personale militare della Guardia Costiera di Porticello ha effettuato diversi interventi di soccorso e assistenza a unità da diporto e di attività a tutela della pubblica incolumità in mare, nel golfo di Termini Imerese,

sotto il coordinamento del XII Centro Secondario di Soccorso Marittimo della Direzione Marittima della Sicilia Occidentale e Capitaneria di Porto di Palermo.
Di fatti, proprio nel tardo pomeriggio di ieri, per il tramite del numero blu di emergenza in mare 1530, un privato cittadino segnalava nello specchio acqueo antistante Capo Zafferano la presenza di una piccola unità a vela, con a bordo 2 persone, che a causa del vento e del mare particolarmente intensi si ribaltava continuamente non riuscendo a trovare una posizione di equilibrio per poter navigare e raggiungere la costa in sicurezza.
Immediatamente, la sala operativa della Guardia Costiera di Porticello, disponeva l’invio del battello GC 358 - nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro” - che pochi minuto dopo raggiungeva l’unità che si era intanto stabilizzata; il mezzo nautico della Guardia Costiera pertanto la scortava, in sicurezza, sino a pochi metri dalla riva.
Sempre nella prima mattinata di ieri, invece, il personale militare della Autorità Marittima flavese ha fornito supporto alle operazioni per il brillamento, operato  dai Palombari della Marina Militare in servizio presso il Nucleo SDAI di Augusta attivati dalla Prefettura di Palermo, di alcuni residuati bellici in mare rinvenuti da provati cittadini lungo il territorio marittimo di Altavilla Milicia e Santa Flavia.L’Ufficio Circondariale Marittimo di Porticello, al fine di garantire un adeguato  livello di sicurezza, a tutela dell’incolumità pubblica e della sicurezza degli specchi acquei, ha emanato apposita ordinanza di interdizione che proibiva qualsiasi tipo di attività (di immersione professionale e sportiva / diportistica ancoraggio e navigazione di qualsiasi unite, ecc.) entro un determinato raggio, nonché richiesto l’emanazione di un apposito avviso ai naviganti.
Inoltre, nel pomeriggio del 04 agosto, il battello G.C. 358 è intervenuto per prestare soccorso ad una imbarcazione a vela di 14 metri con a bordo 4 persone a circa 5 miglia dal litorale di Capo Zafferano con una avaria al motore. In assenza di vento che non permetteva la navigazione a vela e del mare increspato, si attivava immediatamente la macchina dei soccorsi. Il personale militare, dopo essersi assicurato delle buone condizioni di salute degli occupanti rimaneva in zona per supervisionare il rimorchio operato da un’altra unità sino all’arrivo nella tarda serata nel porto di Porticello ove l’avaria veniva risolta.
Per chi utilizza un’unità da diporto, prima di prendere il mare, la Guardia Costiera consiglia di controllare il livello di carburante a bordo, adeguato alla navigazione da effettuare, fare la manutenzione del motore e dello scafo. Inoltre, verificare sempre, preventivamente, le condizioni meteomarine in atto e le previsioni future, di portare con sé i documenti di bordo e le dotazioni di sicurezza (in numero adeguato per le persone imbarcate in ragione della distanza dalla costa) e di navigare con massima attenzione all’orizzonte, per prevenire collisioni con persone o oggetti galleggianti. Utile anche portare con sé una scorta d’acqua e di generi di prima necessità, non mancando di avvisare sulla navigazione che si intende effettuare.
Inoltre, consultare sempre le Ordinanze della locale Autorità Marittima per evitare incidenti e non incorrere in violazioni e nelle conseguenti sanzioni.
In particolare, nel Circondario Marittimo di Porticello si consiglia di consultare le Ordinanze locali reperibili sul sito web: www.guardiacostiera.gov.it/porticello.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.