Operazione "Spazzamare" a Porticello arriva anche il CISOM in supporto

Lunedì, 08 Giugno 2020 22:41 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(1 Vota)
Il mare è sicuramente un degli elementi fondamentali che compongono il nostro pianeta, esso infatti ricopre circa i 70% della superficie terrestre ed è più vivo che mai.
Purtroppo però è fortemente minacciato dall'uomo che come ben sappiamo riesce a creare distruzione al suo passaggio, fortunatamente però non tutti gli uomini sono uguali e tra questi vi sono quelle sentinelle che monitorano e cercano di preservare questo immenso gigante che da sempre affascina, fa innamorare ma che quando vuole sa anche essere funesto. Proprio oggi 8 giugno in occasione della giornata mondiale degli oceani, è scattata in tutta Italia l'operazione "Spazzamare" volta a ripulire i fondali marini in prossimità delle coste rientrando anche nel progetto europeo Clean Sea LIFE. Anche a Porticello si è tenuta questa importante iniziativa organizzata anche dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, ha visto il coinvolgimento sotto il coordinamento della locale Autorità Marittima di Porticello, anche di diversi gruppi diving per la pulizia di alcuni specchi acquei all'interno dei quali sono stati prelevati diversi rifiuti accumulatisi in acqua nel corso degli anni, che saranno poi smaltiti. Tutti volontari muniti di brevetto sportivo per le immersioni, mossi dall'amore per il mare e per la natura. Ad assicurare la presenza sanitaria anche il Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta - CISOM Gruppo di Palermo con i suoi volontari pronti ad intervenire in qualunque momento: "Partecipare a questa operazione per noi volontari del CISOM è davvero importante - spiega Marcello Cenci - Vice Capo Raggrumamento Sicilia - perché rafforza ancora di più quel sodalizio tra noi e la Guardia Costiera che ci ospita durante le nostre operazioni a Lampedusa. Inoltre - conclude - il CISOM è molto attento ai temi dell'ecologia e comunque alla salvaguardia del creato". 
Giovanni Azzara

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.