Il labirinto nel mito, nella storia, nella realtà. Tre incontri a Castelbuono

Mercoledì, 07 Novembre 2018 00:00 Scritto da  Pubblicato in Castelbuono
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il primo labirinto della storia fu quello di Cnosso, via via ne seguirono altri. Dal mito alla realtà, l’uomo non sembra fare a meno del labirinto.

Ci sono labirinti nell’arte gotica, nella letteratura, anche la stessa vita, a volte, è concepita come labirinto. Ma cosa è davvero un labirinto? A cosa serve? Perché l’uomo ha avvertito l’esigenza di creare questo strano manufatto? Il labirinto è solo un elemento concreto dell’architettura o ne esiste uno più metafisico? Anticamente esso era unicursale, cioè ad una unica via, nel tempo è sempre più diventato complicato uscirne. Un mondo affascinante che ha incantato la storia del tempo intimo e universale. L’uomo ha bisogno di uscire fuori dal labirinto interiore e nello stesso tempo ne crea sempre di più e nuovi. Un gioco continuo che mette a dura prova il pensiero e la sua stessa evoluzione.
Tante sono le domande a cui corrispondono tante curiosità e l’Accademia dei Curiosi  propone tre incontri culturali sull’argomento. Un viaggio culturale che attraverserà i tempi e gli uomini che hanno reso il labirinto un vero e proprio mito, un mondo denso di curiosità che aspettano solo di essere svelate.
Il primo dal titolo “Corsi e ricorsi della mente e del corpo”, vedrà come relatori Camillo Palmeri, Angelo Cucco e Vincenzo Ippolito, e si terrà il 17 novembre, il secondo dal titolo “La pietra filosofale” avrà come relatori Camillo Palmeri e Francesco Pinello ed è previsto per il 2 dicembre e infine il terzo incontro con gli interventi di Camillo Palmeri, Martino Spallino e Angelo Cucco che parleranno “Dal mito alla tessitura del pensiero”. Tutti gli incontri  inizieranno alle ore 17,00 e si terranno presso l’Accademia dei Curiosi in via Cavour 90 a Castelbuono.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.