Femminile Plurale. A Cefalù un incontro con Emma Dante per ricordare Angela Di Francesca

Domenica, 16 Aprile 2017 23:53 Scritto da  Pubblicato in Cefalù
Vota questo articolo
(1 Vota)

L´Associazione “Cinema e Cultura“ e l´Associazione “Amici del Cinema Di Francesca” di Cefalù organizza, per il 29 aprile, la manifestazione dal titolo Femminile Plurale - Incontro  con Emma Dante.

Regista, attrice, scrittrice, drammaturga, scenografa di cartoni animati, Emma Dante è stata insignita di vari, importanti premi e, in particolare, di prestigiose nominations per il film “Via Castellana Bandiera” (“Leone d´oro”, “Nastro d´argento”, “Premio speciale della Giuria”). Laurea honoris causa, Premio Eleonora Duse, Premio UBU, Premio De Sica, Premio Vittorini, Premio Svoboda,  solo per citarne alcuni, Emma è anche autrice di trascrizioni di Favole e di Miti in chiave moderna, con accenni e accenti di ironia, con  adattamenti e inserimenti nella realtà della nostra Terra dove confluisce anche la lingua dialettale come momento di arricchimento e di sonorità inespressa.  E´ anche autrice di romanzi a sfondo sociale. Significativa la sua vicinanza al Teatro d´Avanguardia, anche d´oltralpe, il suo accostamento alla lezione di Tadeusz Kantor, il grande drammaturgo polacco, e le sue coreografie orchestrate di movimenti, le sue analisi sociali e psicologiche insieme, il suo contorsionismo recitativo, fatto spesso anche di ritmo e musica. La manifestazione, che avrà  luogo presso lo storico Cinema Di Francesca di Cefalù, che da tempo  dedica sempre maggiore spazio ad eventi di carattere culturale, e che ha visto incontri molto intensi con nomi di chiara fama come  il regista Giuseppe Tornatore e la scrittrice Dacia Maraini, solo per fare qualche esempio, intende anche  rendere omaggio alla città di Palermo che, per il 2018, è stata dichiarata Capitale Italiana della Cultura. La manifestazione sarà impreziosita dall´esposizione di un´opera di Laura Pitscheider, artista di fama internazionale, insignita di vari, prestigiosi, Premi.  L´opera, dal  titolo “La Nike di Samotracia”, è ispirata e dedicata  a FemminilePlurale anche nei suoi intensi valori cromatici. Laura Pitscheider, artista, giornalista, poetessa, è famosa in Italia e all´estero per aver attuato con slancio vitale una prepotente rivoluzione del colore, facendo sua la lezione di Afro e della scuola lombarda e  americana degli anni ´70. Brani di tela, quelli della Pitscheider, dove poeta e artista si fondono e si confondono; scritture cromatiche proprie di chi vede nel colore il senso filologico, l’andamento ritmico, il timbro della nota musicale. La pittura e la poesia della Pitscheider costituiscono pertanto una consonanza di stili con la poliedricità di Emma Dante e con quella di Angela Diana Di Francesca (nella foto), assenza-presenza in questa manifestazione a lei dedicata e di lei improntata. Una  pluralità di linguaggi, dunque, intorno allo stesso tema. Una pluralità di ispirazioni e aspirazioni dove  le risorse culturali nostrane avranno un ruolo di centralità, a cominciare da Angela  Diana, la cui lirica,“8 Marzo”, carica di significati e significanti, è posta a epigrafe della manifestazione, quale espressione di  vanto per una voce che ha improntato di sé  la città di Cefalù.
L´evento intende  inoltre creare una sottile liaison culturale tra Italia e altri Paesi europei in quel segmento, cinema-letteratura, che è oggetto di particolare attenzione da parte delle prestigiose scuole cinematografiche d´oltralpe, in particolare dei paesi della Mitteleuropa che, da sempre, costituiscono un´ importante canale di comunicazione e di veicolazione di idee, tradizioni, storia.
L´incontro è curato da Teresa Triscari, Caterina Di Francesca, Giuseppe Simplicio e Alberto Culotta. La manifestazione inaugura un ciclo di eventi che si prefigge principalmente tre obiettivi: primo, collaborare a un’apertura europea più ampia e significativa in termini culturali; secondo, stabilire un dialogo proficuo con gli scrittori e gli intellettuali locali, nazionali e stranieri per valorizzare, in modo più incisivo, le risorse intellettuali, orientando le scelte verso proposte che possano essere rappresentative della ricchezza della produzione editoriale e culturale  nostrana; terzo, avviare un dialogo intenso con i giovani e dare all´Associazione una valenza di polo di riferimento per incontri e dibattiti con scrittori, artisti, registi, musicisti, esponenti del mondo culturale italiano e straniero.  L’ iniziativa ha il patrocinio e degli auspici  dei comuni di Cefalù e di Palermo, rientra in un ciclo di incontri culturali di cui questo è solo l´incipit ed è dedicata a tutte le donne che si impegnano nella crescita sociale.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.