Truffa del cartellino ai danni del comune di Termini. Avviato il licenziamento per il dipendente infedele

Mercoledì, 22 Marzo 2017 09:06 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(3 Voti)
Licenziamento immediato per il dipendente comunale infedele.
Sarà questo l'effetto dell'accusa di truffa aggravata ai danni del comune di Termini Imerese, mossa dalla procura nei confronti di Carlo Ventimiglia, il dipendente comunale che avrebbe manipolato "a piacimento" l'orario di servizio, attraverso un accesso al sistema informatico di accertamento delle presenze dei dipendenti dell'ente (ricordiamo che Ventimiglia era addetto al centro informatico comunale), in modo da risultare presente in ufficio, mentre era in realtà fuori, in tutt'altre faccende affaccendato, come avrebbero provato le indagini condotte dai carabinieri, anche con rilievi fotografici. Il commissario straordinario del comune, Girolamo Di Fazio, ha infatti avviato l'iter per il licenziamento del truffatore, oltre quello per la costituzione di parte civile dell'ente locale nel procedimento penale. Nel frattempo il gip ha già sospeso l'impiegato dal servizio per sei mesi.

1 commento

  • Link al commento Carlo Ventimiglia Giovedì, 13 Luglio 2017 12:59 inviato da Carlo Ventimiglia

    volevo precisare che tutto quello che ho truffato al comune di Termini Imerese sono state 11 ore in due mesi di controlli e tutte tra le ore 13,45 e le 14,15 dopo avere gia effettuato sei ore e 15 minuti di lavoro svolto come sempre in modo professionale e certosino e non andavo a far faccende di nessun tipo ma rientravo a casa per un momentaneo e complesso problema familiare ovviamente commettendo un atto illegale. l'enorme cifra che avrei trafugato al mio datore di lavoro è di 178€. Non per questo voglio dire di non aver violato la legge ma di certo la reazione esagerata della stampa e il licenziamento avvenuto ancor prima di aspettare il processo mi sembra un atto precipitoso di estrema cattiveria e tipicamente italiana dove se uccidi qualcuno te ne stai a casa tranquillo e beato e se rubi una gallina passi dei guai. ovviamente i dati che riporto sopra sono quelli scaturiti dall'indagine delle autorità competenti. non so se pubblicherete questa mia precisazione ma mi sembrava doveroso farla. Il mio datore di lavoro oltre a licenziarmi mi ha chiesto un risarcimento del danno di 8.178 € che ovviamente pagherò. Grazie

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.