Ferrovie e ritardi. Chi ripaga i pendolari delle ore perse?

Lunedì, 30 Gennaio 2017 21:37 Scritto da  Pubblicato in Dillo a Espero Letto 170 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Non ci siamo per niente. Va bene il nuovo orario, ma siamo ricaduti nel baratro di diversi anni fa. Ritardi a raffica, soppressioni continue.

Il tutto condito da un discreto incremento delle tariffe e da un taglio netto al servizio ferroviario, soprattutto festivo. Riappaiono i problemi alle porte, la Sala Operativa sbaglia le direttive su coincidenze ed incroci.E' chiaro che questo orario cosi non va.  Ad esempio è ovvio che Trenitalia ed RFI non riescono a garantire nell'arco di 5 minuti la coincidenza treno-metro e viceversa.I pendolari devono andare al lavoro e poi tornare a casa. Che gioco è questo di continui ritardi e soppressioni? Come mai spuntano tutti questi problemi alla linea? Dov'è RFI? Dov'è la Regione, che è tornata a latitare, scaricando le responsabilità sul Contratto di Servizio non firmato?
E' ora che la politica metta da parte tutti gli slogan e faccia la parte per un nuovo corso sul servizio pubblico. Partendo dal trasporto intermodale e mostrando oculatezza nell'affidamento dei servizi pubblici. Chi ripaga i pendolari delle ore perse? Che la Regione ci mostri i dettagli delle penali, ammesso che sia in grado di farlo.
Chiediamo un riscontro immediato, perchè la situazione ha preso un piega bruttissima.

Giacomo Fazio
Presidente Comitato Pendolari Sicilia

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.