Oggi è santa Lucia. Al via l' "assalto" a bar e rosticcerie per arancine e panelle

Martedì, 13 Dicembre 2016 09:28 Scritto da  Pubblicato in Sicilia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Si sa, la tradizione è tradizione, è sacra e va rispettata. Sempre.
Anche se con gli anni sei diventato scettico, indifferente, addirittura ateo; anche se non te ne fotte niente di "scherzare con i fanti e lasciare stare i santi", e vai giù duro con battutacce, doppi sensi e aneddoti pecorecci sulle vite dei beati e dei parrini, che "viriti 'a missa, e stoccaci i rini"; anche se di peccati ne fai a bizzeffe, da mettere in crisi addirittura Dante Aligheri, che non saprebbe dove collocarti in una Divina commedia 2.0. Però quando si tratta della tradizione non ti tiri mai indietro, anzi. E così il 13 dicembre, che tu sia devoto o meno, che tu sia vegetariano o ti ingozzi di "ruote" di salsiccia grosse così, nonostante l'avvertimento dei medici di mangiare solo verdura, sennò ci resti secco, perché " 'a megghiu virdura è 'a sasizza", sei il primo a presentarti il giorno in cui si celebra santa Lucia dal panellaro sotto casa o dalla rosticceria rinomata, ordinando decine di panelle (senza pane però, perché sennò la santa si offende) o guantiere di dorate arancine di tutti i formati e gusti, pur di rispettare la tradizione, che è sacra. E così che tu sia ricco o "muru cu muru cu 'u spitali", che tu sia ateo o religioso, che tu sia legato ai valori tradizionali o moderno e "spertu", il 13 dicembre sei lì con faccia serafica e sguardo in estasi a sbafarti chili di schiacciatine di farina di ceci e quintali di palle di riso in crosta, non si scappa. E che importa che poi ti senti male e devi ingurgitare bottiglioni di gaviscon per placare il fuoco che infiamma dentro il tuo ventre rigonfio. Santa Lucia arriva una sola volta durante l'anno. Per fortuna.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.