Polizzi Generosa si fa largo con i suoi prodotti Slow food al Salone del Gusto di Torino

Domenica, 25 Settembre 2016 09:25 Scritto da  Pubblicato in Polizzi Generosa
Vota questo articolo
(0 Voti)

E' partita  l’undicesima edizione del Salone del Gusto di Torino, il più importante evento internazionale dedicato alla cultura del cibo, per la prima volta aperto al pubblico e senza biglietto di ingresso.

Un grande mercato con espositori dai cinque continenti  presidi slow food, tanti eventi per scoprire la ricchezza enogastronomica del mondo. Ci sono oltre 7mila delegati da 143 paesi. E' un’edizione “monstre” con 935 eventi in programma, tra cui 60 laboratori del gusto e 90 appuntamenti su prenotazione più di mille espositori, distribuiti tra i 12mila metri quadri del Valentino e gli oltre 3mila del centro. A dare una mano mille volontari: il 90 per cento arriva da Torino e provincia ma ci sono anche giapponesi, malesi, russi e inglesi. Polizzi Generosa si presenta al Slow food di Torino, con le migliori intenzioni per mettere in circolo il già conosciuto “Fagiolo Badda” e il nuovo “Pipiddu Polizzano”, il peperone che cresce solo all'insù  perché si sviluppa all'ombra del noccioleto,conquistandosi da solo la dose necessaria di luce. «I1 suo cammino verso la conquista dei presidi Slow Food  è iniziato dal recupero di venti piantine da un vecchio agricoltore del luogo», racconta Roberta Billitteri, che li coltiva nell’azienda di famiglia che regge con il marito Francesco Mangialino, presidente del presidio del Fagiolo Badda di Polizzi. Roberta è uno degli 8 produttori del “Pipiddu”. «Oltre alla vendita dello sfuso - continua - abbiamo un laboratorio di trasformazione per chiudere la filiera dove trasformo i Pipiddi in confettura in quanto il prodotto fresco dura soltanto tre giorni».
Antonio David

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.