"Camina cu mia": il concerto di beneficenza per la trazzera di Caltavuturo

Venerdì, 17 Luglio 2015 20:53 Scritto da  Pubblicato in Caltavuturo
Vota questo articolo
(1 Vota)
Si tratta di un concerto per camminare, ancora una volta, insieme. Soprattutto davanti ad un'emergenza collettiva che le istituzioni preposte tardano a risolvere. E allora si procede dal basso.
Procedere dal basso significa dare forza a quel principio di sussidiarietà che tanto ha affascinato l'Unione europea. Il punto dolente è che la supplenza in questi casi d'emergenza nasconde il fallimento. A questo la gente risponde esasperata. Perché non può far altro. Occorrerebbe allora procedere fianco a fianco, pugni serrati e convinzione adamntina. Procedere anche per tutto il resto, al di là dei sermoni della solita politica o della spesso sterile burocrazia.

Pare tutto ingessato dentro un mondo, quello siciliano, che ha bisogno di mutare prospettiva. E intanto si comincia da una strada, la vecchia regia trazzera rimessa a nuovo per poter aggiarare l'isolamento causato dal crollo del viadotto autostradale. Su quel fronte, tutto tace.

Il concerto è organizzato dall'associazione "Oltrepassiamo la frana: la bellezza non si può isolare". Appuntamento: lunedì, 27 luglio, alle 21,30, presso il teatro all'aperto "Paolo Borsellino". Obiettivo: raccogliere i fondi ancora necessari al completamento dei lavori sulla trazzera-scorciatoia per la quale i deputati siciliani del Movimento 5 Stelle hanno donato 300.000 euro, frutto della decretata riduzione degli emolumenti loro spettanti per la carica di deputato.

Ne servono ancora 60.000. L'offerta sarà libera pur con un minimo di 5 euro fissato e da pagare all'ingresso. Conducono Filippa Dolce e Antonio Pandolfo. Sul palco: Francesco Buzzurro, Francesco Cafiso, Francesco Giunta, QBeta, Mauro Schiavone, Pupi di Surfaro, Calandra e Calandra, Francesco Nicolosi, Marco Ligabue, Ezio Noto.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.