Due arresti per estorsioni aggravate dal metodo mafioso

Giovedì, 12 Febbraio 2015 08:14 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana

I Militari del Nucleo Investigativo dei Carabinieri e del G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Palermo hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Palermo, Dott. Ziino, su richiesta dei magistrati della DDA che coordinano le indagini sulla parte orientale della città, nei confronti di due soggetti ritenuti responsabili di estorsioni aggravate dal metodo mafioso commesse nei confronti di un’azienda di trasporti per conto terzi da e per l’estero, operante nel centro di Palermo.

 

I due soggetti tratti in arresto sono il 64enne Giuseppe La Torre e il 37enne Danilo Gravagna e sono accusati di aver dapprima (dal 2011 al 2013) costretto l’azienda a pagare 500 euro in occasione delle festività (Natale e Pasqua) e, successivamente (nel settembre 2013), di aver tentato di imporre alla stessa azienda, di affidare tutti i trasporti alla ditta gestita dallo stesso Gravagna.
Dalle indagini, ancora in corso e che costituiscono la prosecuzione dell’operazione “New Gate” (ottobre 2013), è emerso che la ditta già dal 2007 (fino al 2010) pagava il pizzo a esponenti di “Cosa Nostra” poi tratti in arresto nell’operazione Eleio del giugno 2010. Dopo l’operazione, il pagamento del pizzo si era interrotto, per poi riprendere a distanza di un anno, proprio ad opera di La Torre e Gravagna.
I due soggetti erano già stati arrestati il 17 ottobre 2013, insieme ad altre 20 persone.
In particolare Giuseppe La Torre è ritenuto al vertice di un’associazione dedita alla commissione di furti, rapine, ricettazione, commercio di prodotti con contrassegni falsi, sequestro di persona ed altro, mentre Gravagna per aver svolto un ruolo rilevante nelle fasi di organizzazione logistica e di esecuzione materiale delle suddette condotte illecite.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.