Un ulivo per ricordare le vittime della Mafia nel Giardino della Memoria a Raffo

Lunedì, 18 Novembre 2013 15:17 Scritto da  Pubblicato in Petralia Soprana
Vota questo articolo
(0 Voti)
Anche quest’anno torna la campagna che più di ogni altra avvicina e coinvolge cittadini di tutte le età ai temi ambientali. Il 21 Novembre è La Festa dell’Albero. Una data nella quale bambini, ragazzi, insegnanti, genitori, nonni, volontari e amministratori tutti insieme si mobilitano con iniziative in favore dell’ambiente. Il Centro Studi Epifanio Li Puma, così come ha annunciato in occasione dell’avvio della realizzazione del Giardino della Memoria a Raffo di Petralia Soprana, in collaborazione con il circolo di Legambiente “L’erbavoglio”, organizza l’appuntamento per piantare assieme ai giovani della Scuola Media di Petralia Soprana, che ha aderito all’iniziativa, l’albero della memoria che sarà intitolato ad una vittima della mafia scelta dai ragazzi, dopo un percorso di riflessione, che parteciperanno all’appuntamento.
Piantare un albero diventa quindi un atto di alto valore educativo e un gesto d’amore e di fiducia nel futuro. All’appuntamento parteciperanno rappresentanti di Legambiente, il preside dell’Istituto Comprensivo di Petralia Soprana Francesco Serio, il sindaco di Petralia Soprana Pietro Macaluso ed altri rappresentanti istituzionali. L’albero di ulivo di quest’anno si aggiunge a quello già intestato a Placido Rizzotto ed ai mandorli dedicati dai volontari di Legambiente a Paolo Borsellino, Giuseppe Di Matteo, Giovanni Falcone, Peppino Impastato, Pio La Torre e Giuseppina Savoca. Grazie al campo di volontariato è stata ripulita un’area degradata alle porte di Raffo, piccola borgata di Petralia Soprana dove è nato ed operato il sindacalista ucciso dalla mafia Epifanio Li Puma, che è stata  destinata, secondo l’idea dell’omonimo Centro Studi, a giardino della memoria dedicato a tutte le vittime della mafia. L’iniziativa si terrà alle ore 10 di giovedì, giornata nazionale dell’albero istituita dal Ministero  dell’Ambiente e della Tutela del Territorio.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.