Cefalù renderà omaggio ai 25 anni del film capolavoro di G. Tornatore “Nuovo Cinema Paradiso”

0
111

Nuovo Cinema Paradiso, il capolavoro di Tornatore compie 25 anni e Cefalù vuole rendergli omaggio.
Il film del regista bagherese, che nel 1989 meritò il Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes e l’Oscar per il miglior film straniero, uscì nelle sale cinematografiche nel 1988 e canta un’ode al cinema popolare e incanta con le scene memorabili il pubblico da 25 anni. Le scene in esterna del film sono state girate tra le altre location a Bagheria, Cefalù, Castelbuono, Chiusa Sclafani, Palazzo Adriano, Santa Flavia, San Nicola l’Arena e Termini Imerese.
L’Amministrazione Comunale di Cefalù ha deciso dunque di rendere omaggio alla ricorrenza dei venticinque anni dall’uscita del capolavoro di Giuseppe Tornatore.

Il Sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina, ha dichiarato “riteniamo doveroso celebrare i venticinque anni di “Nuovo Cinema Paradiso” sia perché si tratta di un capolavoro assoluto della cinematografia, sia perché ci piace pensare che attraverso questo capolavoro anche la nostra città ha vinto il premio Oscar, in quanto set cinematografico di alcune delle più indimenticabili scene. Per questo abbiamo deciso di preparare una manifestazione che si svolgerà nei luoghi della città in cui sono state girate le scene del film. La celebrazione di questo importante anniversario sarà occasione per ringraziare, ancora una volta, il nostro concittadino onorario Giuseppe Tornatore, al quale abbiamo richiesto di regalarci la sua disponibilità a partecipare all’evento. Nel programma degli appuntamenti, attualmente in fase di elaborazione, abbiamo pensato di prevedere un’attenzione particolare alle iniziative che si svolgeranno presso il teatro comunale “S.Cicero”, che ha ospitato il primo ciak del film, e al Molo di Piazza Marina. Successivamente renderemo note le date della manifestazione”.
Per il critico cinematografico Tonino Bonifacio: “Nuovo Cinema Paradiso è un’opera che ha donato al mondo l’animo poetico della sicilianità; di una umanità che è fortemente attaccata con il cuore alla storia, alla bellezza e alla vita, anche dolorosa, della propria terra. Un film che è la storia silenziosa e intima di ognuno di noi, di coloro che hanno desiderato la fuga ma anche il ritorno in questa terra di Sicilia. Il capolavoro di Giuseppe Tornatore è un film da portare sempre nel cuore, perché ha dato parola ai nostri sentimenti nascosti”.