La Uil Fpl presenta un ricorso e il Giudice gli dà ragione. Risultato: il Comune  di Termini Imerese è condannato a rimborsare ai dipendenti comunali i soldi che l’Amministrazione comunale aveva ritenuto “percepiti illegittimamente”. Tutta la storia inizia il 27 ottobre 2010 a seguito di una  verifica amministrativa-contabile effettuata dalla  Ragioneria Generale dello Stato. L’accertamento evidenzia presunte irregolarità su alcune indennità di salario accessorio dei dipendenti comunali nel periodo che va dal 2005 al 2009.

Pubblicato in Termini Imerese