Come era prevedibile dalle premesse dei giorni scorsi si è appena concluso un duro consiglio comunale per discutere della mozione della minoranza sulla questione Tares così come richiesto, con una lettera a firma congiunta, da parte dei cinque consiglieri di minoranza il 14 marzo scorso.
Il Consiglio si è aperto con un attacco da parte del consigliere Ingrao durante la votazione per la valutazione della sussistenza degli estremi di necessità e urgenza della convocazione in seduta straordinaria chiedendo un chiarimento prima al sindaco perchè venga dato uno spazio all'interno della casa comunale per i consiglieri di minoranza. Il primo cittadino ha prontamente risposto che la stanza è pronta e quando vuole la minoranza vi si può riunire. Il consigliere si è poi rivolto al Presidente del Consiglio Emanuele Sceusi chiedendo conto delle motivazioni che lo hanno portato alla convocazione della seduta in sessione straordinaria dopo 18 giorni dalla richiesta di convocazione, richiesta che quando presentata aveva "come obiettivo quello di ridurre le tensioni popolari". "Lei non è il presidente della maggioranza - ha dichiarato Ingrao - ma mi rendo conto che lei ha dei doveri riguardo la maggioranza perchè la sua elezione non è stata popolare ma frutto di giochi politici".
Pubblicato in Campofelice