Sono circa duecento gli azionisti siciliani che si sono rivolti all’associazione nazionale Unione dei Consumatori con sede a Termini Imerese contro la proposta di conciliazione transattiva della Banca popolare di Vicenza.

Pubblicato in Termini Imerese